La Nuova Provincia > Attualità > Asti: alunni, genitori e insegnanti si confrontano sulla cultura del cibo
AttualitàAsti -

Asti: alunni, genitori e insegnanti si confrontano sulla cultura del cibo

Gli studenti che frequentano la 2^, 3^, 4^ e 5^ elementare saranno coinvolti in laboratori e altri momenti durante i quali conoscere meglio il cibo

Il Comune di Asti lancia il progetto imMENSAmente buona sulla cultura del cibo

Si chiama “imMENSAmente buona” il progetto di educazione alimentare promosso nelle scuole primarie di primo grado dal Comune in collaborazione con Lions Club Host e FAB – Fondo Assistenza e Benessere. Consapevoli che sul cibo si giochi una partita fondamentale per la crescita sana dei bambini, ma anche per una loro maggiore sensibilità contro gli sprechi alimentari, l’assessorato all’istruzione del Comune ha voluto avviare un’iniziativa che si rivolge agli alunni, ai genitori, ma anche agli insegnanti delle elementari. Gli studenti che frequentano la 2^, 3^, 4^ e 5^ elementare – in particolare cinque classi per ciascun anno – saranno coinvolti in laboratori e altri momenti durante i quali conoscere meglio il cibo, specialmente quello che viene loro presentato durante il pranzo in mensa. Non a caso il progetto vede anche il coinvolgimento di Camst s.c.a.r.l e Dussmann service s.r.l che hanno in appalto la refezione scolastica.

«Il progetto si sta avviando in questi giorni – spiega l’assessore all’istruzione Elisa Pietragalla che ha presentato l’iniziativa insieme al sindaco Maurizio Rasero – e vuole coinvolgere tre diversi attori: gli insegnanti, con focus sull’alimentazione che già durante gli anni passati venivano organizzati dall’ufficio istruzione; i genitori che inviteremo a seminari e a una visita al centro cottura; gli studenti con incontri didattici durante i quali cercheremo di coinvolgerli sulle tematiche legate all’alimentazione. Per questo ringrazio i Lions e FAB per la preziosa collaborazione».

Incontri, focus e visita al centro cottura

Così “imMENSAmente buona” sarà declinata su quattro incontri con gli insegnanti (il primo è in programma domani pomeriggio, 13 novembre), due seminari con i genitori (si inizierà il 21 novembre, alle 17.30, ad ASTISS) e altri due incontri in ogni classe che aderirà al progetto. Durante i focus con gli insegnanti si parlerà di cibo, di abitudini, di strategie, di spreco e soprattutto di benessere con la partecipazione delle nutrizioniste di FAB e Lions. Nei seminari con insegnanti e genitori si affronteranno vari temi tra cui “I falsi miti del mangiar bene: come conciliare il piacere di stare a tavola e il mantenersi in salute”, “Mangiare con tutti i sensi”, “Mangiare e nutrirsi: orientarsi per una scelta più consapevole di colazioni, merende e pasti principali” e “Anche la mente si può nutrire bene”. Grazie alla collaborazione di Camst e Dussmann sarà poi possibile, in data da definire, effettuare una visita al centro cottura per vedere dal vivo tutti i procedimenti di preparazione dei pasti, la qualità delle materie prime, l’uso di prodotti a km 0, etc.

La collaborazione di Lions Club e FAB

Gli incontri con gli studenti, insieme a psicologhe, serviranno a sperimentare un nuovo approccio al cibo fuori dalle modalità schematiche, ma anche ad armonizzare il corpo, la mente e tutti i sensi rispetto all’alimentazione. Alla presentazione di “imMENSAmente buona” hanno partecipato la presidente del Lions Club Asti Host Federica Oddone e la presidente di FAB Marcella Borsani entrambe pronte a dare una mano, con i relativi progetti, affinché l’educazione alimentare possa essere più presente nell’attività scolastica e nella vita quotidiana delle famiglie astigiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente