Carlo Cerrato
Attualità
L’analisi

«Asti non è ancora un prodotto turistico»

Carlo Cerrato, ex presidente dell’ATL, analizza le criticità del settore ed evidenzia gli errori commessi fino a oggi

«Per incrementare il turismo, prima di spendere una barca di soldi occorrono le idee e Asti non mi pare che brilli in tal senso». Carlo Cerrato, presidente dell’ATL dal 1998 al 2007 («ruolo che ho ricoperto a titolo gratuito») interviene su alcuni temi caldi che dividono gli addetti ai lavori: la ripartenza del turismo, l’indotto che dovrebbe creare, le strategie di marketing, la partita UNESCO, ma in primis le conseguenze dirette e indirette nell’aver deciso di affidare ad altri, in particolare all’Ente del Turismo Langhe Roero Monferrato, le strategie di comunicazione e promozione dell’Astigiano. Temi che si collegano tra loro in un disegno che non ha ancora convinto tutti nonostante l’assessore comunale Loretta Bologna confermi che la fusione con Alba stia già portando buoni risultati. Cerrato, giornalista Rai in pensione, ma anche conoscitore delle dinamiche che hanno portato le Langhe ad essere diventate, in 30 anni, una potenza economica grazie ad un’ottima strategia di marketing, non vuole buttarla in polemica, ma vorrebbe che si aprisse una seria e libera discussione tra i vari punti di vista.

L’UNESCO a sproposito

«Partiamo dall’UNESCO e dalla sua denominazione, “I paesaggi vitivinicoli di Langhe Roero Monferrato” dove non compare Asti da nessuna parte. Un primo grave errore, secondo me, che si ricollega allo sbaglio di aver cancellato tutto il nord Astigiano dalle zone del riconoscimento dove “il romanico” poteva essere un fiore all’occhiello. Ma ora, quel che fatto è fatto. Però aver aderito a un Ente del Turismo che si chiama Langhe Monferrato Roero nel quale, per la seconda volta, buttiamo via un marchio conosciuto in tutto il mondo, come Asti, non è stata una scelta molto sensata. La FIAT, quando ha inglobato l’Alfa Romeo, non ha cancellato il suo storico marchio in favore del secondo».

Che peso abbiamo nel CDA?

Per Cerrato il vero problema che l’Astigiano starebbe scontando è la mancanza di “peso” nel CDA del nuovo Ente del turismo dove gli albesi dominano e dove bisognerebbe che ci fosse uno sviluppo più equilibrato. «Io ti delego alla promozione del mio territorio – incalza Cerrato – e tu fai quello che dico io. Invece questo non avviene, si parla a sproposito di UNESCO che sta diventando inflazionato così che rischiamo di farci ridere dietro».

Il pensiero di Cerrato apre una discussione sul turismo a 360 gradi, ma c’è poco da cantare vittoria perché, secondo l’ex presidente dell’ATL, «il prodotto Asti non esiste dal punto di vista turistico, non ci sono i servizi necessari, come i bagni pubblici, mancano gli alberghi, o molti sono chiusi, non si possono ospitare congressi. È l’offerta che crea la domanda e nel turismo si deve partire da servizi eccellenti, promossi a un pubblico differenziato e con un’offerta adeguata. Tutto ciò che ad Asti manca».

Dal turismo si può creare, ad Asti, un progetto economico strutturale che sostituisca l’industria? «No – risponde Cerrato – perché il turismo, ad Asti, può rappresentare al massimo il 7% del PIL. È una risorsa che sicuramente potrebbe dare di più, ma non la soluzione ai problemi economici di questo territorio il cui capoluogo resta una città metalmeccanica, senza identità, che dovrebbe puntare ad avere qualche insediamento produttivo di prestigio, nel settore medio alto della produzione, dove si pagano gli stipendi più consistenti, non nella logistica dove al massimo si parla di autisti, magazzinieri, con potere d’acquisto più basso e il disagio di avere centinaia di camion sulle strade».

Gli errori strategici

Asti deve affrontare il dilemma di quei territori che, dopo la crisi dell’industria, quella economica e adesso la pandemia, sono costretti a trovare una nuova vocazione per creare lavoro. La nostra città sconta, però, scelte discutibili che hanno letteralmente gettato alle ortiche progetti ritenuti validi come il Premio Asti Provincia d’Europa e un Master all’Università di Torino, in collaborazione con la Fondazione Goria, in Management e creatività dei patrimoni collinari. Progetti che avrebbero aiutato a promuovere il territorio un po’ come il Premio Grinzane ha fatto per le vicine Langhe.

L’Astigiano ha comunque il suo brand d’eccellenza nel vino, ma anche in questo caso, secondo Cerrato, ci si è persi per strada. «Del vino di Asti ne parlano personaggi come Marcel Proust o Henry James e questo perché, dopo l’Unità d’Italia, in via Pietro Micca venne aperta la prima stazione enologia sperimentale. È su questo fiore all’occhiello che bisogna puntare, ma con scelte sensate valorizzando l’intera area delle “colline del vino” del basso Piemonte non solo Langhe-Roero e, se avanza, qualcosa anche degli altri».

L’opinione di Cerrato non si sposa con la narrativa ufficiale che viene raccontata da chi, invece, crede e investe nella fusione con le Langhe. Ma chi ha ragione? La risposta dovrebbe arrivare dai numeri che verranno diffusi dall’Osservatorio turistico regionale.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

3 risposte

  1. Carlo Cerrato ha detto delle cose esatte, ed è entrato el cuore del problema, complimenti una sintesi impietosa ma esatta

  2. Il turismo ad Asti non esiste perché il turista che entra per via stradale e ferroviaria trova degli ingressi fatiscenti siepi che sono diventate erbacce sottopassi e sono ricchi di urina ed escrementi per non parlare delle scritte giardini sembra una giungla in piena città vedi il boschetto dei partigiani la zona centrale è ricca di negozi chiusi e quelli aperti non vengono aperti al sabato e la domenica talvolta anche durante le più importanti manifestazioni. Il palio e festival delle sagre sono manifestazioni di un giorno dov’è l’artigiano le sente sempre meno il turista è propenso ad altri lidi perché una manifestazione sempre uguale con problematiche carattere di il pericolo per ordine sicurezza pubblica ancora di più causato dal covid. Asti resuscita solo con la pulizia e il decoro di tutte le aree non di certo con improvvisate manifestazioni del valore di un giorno.

  3. Asti è defunta da Mo se uno è capace di Trovare un ristorante aperto di Domenica per non parlare di Domenica a cena ! Hotel in centro nemmeno a parlarne ! L’ unica entità che ha fagocitato tutto e’ la Cassa di Risparmio di Asti ora Banca su Asti ! IL comune di Asti lo vedo quasi come una sua costola ! Un vassallo delle sue politiche ! A parte la Sacla’ non vi è più un&industria ad Asti ! E purtroppo è triste affermare che il polo che dona più lavoro in Asti e provincia è l’ASL con l’Ospedale ! Per carità necessario anche ciò ! Però non penso sia in polo di attrazione per i turisti ! E poi da cittadino del concentrici di Asti devo dire che la città è parecchio peggiorata come degrado sporcizia e senso di insicurezza ! Non bastano un paio di vie e due piazze per Dire che Asti è attrattiva ! Forse perché questo anno molti italiani per i problemi pandemici non si sono recati alle”estero ! Od addirittura in ferie ! Asti ha mio modesto avviso sta diventando una città dormitorio ! Dove chi non lavora per ASL o per la CRAsti poi deve spostarsi per lavoro e per trovare un turismo dinamici ! Molto meglio i paesi e cittadine della Provincia di Asti ricchi di iniziative dinamiche e simpatiche legate al vino e non .Concordo molti con il Discorso del Dott.Cerrato ! renzotruffa63@gmsil.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail