Asti omaggia Enzo Tortoraintitolandogli un’area verde
Attualità

Asti omaggia Enzo Tortora
intitolandogli un’area verde

Sabato 15 novembre Asti intitolerà un’area al noto presentatore televisivo Enzo Tortora, deceduto 25 anni fa. Al centro di un clamoroso errore giudiziario per presunte collaborazioni con la

Sabato 15 novembre Asti intitolerà un’area al noto presentatore televisivo Enzo Tortora, deceduto 25 anni fa. Al centro di un clamoroso errore giudiziario per presunte collaborazioni con la camorra, Tortora venne scagionato dopo un lungo procedimento che lasciò segni indelebili sulla sua persona, ottenendo giustizia solo dopo la morte e mettendo in luce i gravi errori processuali intercorsi. La decisione della Commissione Toponomastica va quindi a ricadere sul conduttore TV nella volontà di «riconoscere la popolarità e il riscatto di un cittadino ingiustamente accusato di reati infamanti».

L’evento costituirà anche l’occasione per ripercorrere la storia di Tortora con il convegno “Enzo Tortora: la tragedia di un uomo perbene”. L’appuntamento è in Sala Pastrone alle 8.45. Ai saluti del sindaco seguiranno gli interventi dell’avvocato. Luigi Florio e del collega Raffaele Della Valle, che rispettivamente tratteranno “Enzo Tortora: diritto e ribellione” e “Il calvario giudiziario di Enzo Tortora: un errore ancora ripetibile?”. Moderatore il giornalista Carlo Cerrato che illustrerà la vicenda anche con immagini di repertorio della trasmissione “La storia siamo noi”.

Alle 12.30 l’evento si sposterà infine nel quartiere di corso Alba (zona compresa tra via Lusso, via Terracini e via Carlo Alberto dalla Chiesa) per la cerimonia di intitolazione dell’area verde che porterà la targa “On. Enzo Tortora (1928 – 1988), Giornalista televisivo ed Europarlamentare dal 1984 al 1985”. L’evento, accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Asti ai fini del rilascio di due crediti per la formazione permanente, vedrà la partecipazione anche degli alunni del triennio del liceo scientifico “F. Vercelli”.

a.f.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo