Massetti Ape Calessino
Attualità
Curiosità

Asti più turistica con l’Ape Calessino che promuove le sue bellezze

In piazza Roma arriva una nuova “attrazione”, voluta da Tomedo, per vedere la città da un altro punto di vista

Da qualche giorno una new entry in piazza Roma attira l’attenzione di turisti e passanti. È l’Ape Calessino, di colore bianco, con capottina, che Tomedo, agenzia di promozione delle eccellenze del territorio, con sede nella vicina Torre Comentina, ha portato ad Asti direttamente dall’Isola d’Elba. È stato il fondatore di Tomedo, Ronni Massetti, a investire di tasca propria per dare ad Asti un elemento promozionale in più che già caratterizza, da decenni, molti luoghi a forte vocazione turistica. L’Elba, in primis, dove Massetti ha acquistato l’Ape Calessino guidandolo per 480 Km in un tour attraverso tre regioni.

«Già il viaggio in sé è stato un momento di promozione per Asti perché sul passo del Bracco, dopo La Spezia, molti ciclisti si sono affiancati al Calessino per chiedere dove fossi diretto – racconta Massetti – Voglio che questo mezzo possa essere un volano di promozione turistica in più per le bellezze della nostra città. È mia intenzione usarlo per accompagnare i clienti di Tomedo, che ogni giorno vengono nelle Torre per acquistare le eccellenze del nostro territorio, affinché la osservino anche da un altro punto di vista. Preciso che non chiedo un euro per accompagnarli perché è tutto gratuito».

Massetti ci accompagna a visitare la città con l’Ape Calessino, un mezzo inventato dalla Piaggio nel 1948 e diventato un vero e proprio oggetto di culto negli anni ‘50 e ‘60. Vedere Asti, a bordo del Calessino, è un’esperienza che i turisti troveranno molto performante perché le piazze del centro storico, i monumenti, le sue torri medievali e gli scorci d’altri tempi si prestano ad essere fotografati in un mini-tour della durata di circa venti minuti.

L’Ape Calessino Tomedo, già diventata un’attrazione per chi passa in piazza Roma, è un “extra” messo a disposizione dei clienti da un privato, lo stesso che con la sua agenzia sta svolgendo un importante compito informativo, sette giorni su sette, per aiutare i visitatori a scoprire meglio le bellezze di Asti.

«Ultimamente abbiamo accolto inglesi, svizzeri, francesi, australiani, statunitensi e anche molti altri turisti provenienti dal nord Europa – racconta Massetti – Nei primi sei mesi di attività Tomedo ha avuto circa cinquemila visitatori a cui abbiamo spiegato il territorio e le sue eccellenze. Nel 2022 accogliamo una media di sessanta persone al giorno, con picchi nei week end di oltre cento persone. Quest’anno abbiamo distribuito oltre cinquemila cartine di Asti nel nostro info-point di piazza Roma».

Per Ronni Massetti e il suo team non si tratta solo di lavoro, ma affiancare gli enti preposti nella promozione della città è quasi una vocazione. C’è chi chiede informazioni sul Palio (entrando nella Torre Comentina si viene accolti da un video promozionale sulla storica manifestazione), chi la strada per raggiungere Palazzo Mazzetti o il Duomo, ma anche chi chiede dove si possa mangiare bene o acquistare il vino delle nostre zone. L’Ape Calessino è la ciliegina sulla torta che rende l’esperienza turistica ad Asti ancora più coinvolgente.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo