Consegnate le onorificenze della Repubblica
Attualità

Consegnate le onorificenze della Repubblica

Ecco chi sono i quattro astigiani premiati dal Prefetto durante la cerimonia svoltasi venerdì mattina

«Il vostro esempio offre coraggio, libertà e fiducia ai giovani che, seguendo il vostro esempio, possono fare scelte di vita al servizio della Repubblica e di tutti i suoi cittadini»: parole altissime del prefetto di Asti, Paolo Formicola alla consegna, venerdì mattina, delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Quattro in tutto, di cui tre a personaggi del sud Astigiano che si sono distinti per senso civico in svariati campi della società.

A ricevere l’onorificenza di cavaliere sono stati Giovanni Coppo e Fabio Covello. Coppo è il noto enologo imprenditore contitolare, con i fratelli dell’omonima ditta conosciuta per la produzione e il commercio di vini e spumanti di qualità. Fra i suoi meriti quello di aver compiuto una straordinaria ristrutturazione delle antiche cantine di famiglia che hanno contribuito, nell’ambito delle “cattedrali sotterranee” a far conferire il riconoscimento Unesco al territorio del Moscato.

Fabio Covello invece è il titolare dell’azienda vinicola Cascina Cordara a Nizza e ha anche il ruolo di codirettore centrale di un importante broker assicurativo di rilievo internazionale. Fa parte del direttivo del Comitato Palio.

L’onorificenza di ufficiale è andato invece al professor Alessandro Militerno, già Provveditore agli Studi con una lunga esperienza in fatto di dirigenza scolastica a livello regionale, nazionale e internazionale. L’alta onorificenza di commendatore è andata ad una donna, Bice Carla Perrone, canellese, operatrice sociale con una lunghissima militanza nella Croce Rossa dove ha rivestito per 15 anni la carica di ispettrice delle infermiere volontarie nel Comitato di Canelli. Sempre in prima linea a favore di ammalati, bambini e disagiati, si è meritata la stima incondizionata dell’intera comunità canellese.

d.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo