Cerca
Close this search box.
Costigliole, “Camminata elettorale” e appuntamenti serali
Attualità

Coronavirus, a Costigliole d’Asti il primo decesso: un anziano ospite della casa di riposo di Govone

È deceduto nel pomeriggio di Pasquetta all’ospedale di Alba. Il sindaco Cavallero: «Per Costigliole è un giorno triste»

Era un ospite della casa di riposo di Govone

Da circa due anni risiedeva alla Casa di riposo di Govone, pesantemente colpita negli ultimi giorni dal contagio del Coronavirus, con oltre 30 anziani ospiti risultati positivi e una gran parte del personale della struttura. Non ce l’ha fatta un costigliolese di 83 anni a sconfiggere il Covid. «Oggi è un giorno triste per Costigliole, perché registriamo il primo decesso legato al contagio: oggi pomeriggio è mancato all’ospedale di Alba, dove era ricoverato da alcuni giorni, Giovanni Battista Baldi, residente in strada Loreto. Esprimiamo ai familiari il cordoglio nostro e di tutta la comunità», ha comunicato nella serata di lunedì ai costigliolesi il sindaco Enrico Cavallero. I casi di positività a Costigliole sono stabili: 8 complessivamente, tra cui tre persone ormai negative al virus e due persone che erano state intubate e ora in condizioni di miglioramento. Nei giorni precedenti la Pasqua il sindaco Cavallero ha raggiunto telefonicamente tutte le famiglie iscritte al servizio di comunicazione del Comune, per rivolgere gli auguri alle famiglie, ricordando il numero telefonico attivato per chi ha necessità di medicinali o spesa a domicilio; ed un messaggio augurale e di riflessione sul difficile momento che si sta attraversando è stato rivolto ai costigliolesi attraverso un video sulla pagina Facebook del Comune. Il sindaco ha esortato a continuare a seguire le disposizioni per il contenimento del contagio. Numerose le iniziative adottate anche dal Comune: tra le ultime iniziative l’indicazione di installazione di barriere alle casse dei negozi, a cui i commercianti hanno aderito.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale