Vescovo Marco Prastaro
Attualità
Tra angoscia e sofferenze

Diocesi di Asti: il messaggio di Quaresima del vescovo Marco

“Abbiamo dimenticato la verità, la giustizia, la libertà e la carità arrivando a tollerare atti di menzogna, d’ingiustizia, di possesso egoista, di dominio sull’altro, di pregiudizio e odio”

Le parole del vescovo di Asti Marco Prastaro:

“Questa quaresima è iniziata nel segno della tristezza e dell’inquietudine. Ci sembrava ormai di poter uscire dalle preoccupazioni della pandemia e riprendere a vivere, ma indesiderate sono arrivate dall’Ucraina le immagini terribili della guerra. Il nostro cuore è stato invaso dallo smarrimento e dall’angoscia per i morti, per le sofferenze di tutti i feriti, per il lamento doloroso dei profughi, dei senza tetto, di coloro che vivono nell’angoscia dei bombardamenti. Vediamo vittime innocenti di una guerra che non comprendiamo e non vogliamo. Avevamo anche pregato tanto per la pace, eppure è arrivata la guerra: il Signore si è forse girato dall’altra parte?

Dobbiamo confessare che la nostra vita e la nostra preghiera sono impregnate della logica del mondo che mette il proprio profitto, il desiderio di prevalere e primeggiare, la propria tranquillità, il proprio piacere prima di tutto il resto. Abbiamo dimenticato la verità, la giustizia, la libertà e la carità arrivando a tollerare atti di menzogna, d’ingiustizia, di possesso egoista, di dominio sull’altro, di pregiudizio e odio. In questo quadro non ci può essere pace e la nostra preghiera è inefficace perché ipocrita.

La quaresima invita tutti a convertirsi e a cambiare vita, per stare nel mondo da persone risorte con Cristo, così come celebreremo nella Pasqua. Convertirsi è permettere allo Spirito di renderci capaci di vedere la realtà come la vede Cristo, e non come la vede il mondo; di considerare la storia nell’ottica dell’amore e non del dominio.

Convertirsi è rendere sempre più profondo in noi lo stile di Gesù, il suo sguardo misericordioso, la sua capacità di vedere ovunque occasioni per mostrare quanto grande sia l’amore di Dio. Convertirsi è dunque il primo mezzo per sconfiggere la guerra, perché è entrare in una nuova logica, quella dell’amore e non della prevaricazione, della fratellanza e non dell’odio.

Solo facendo esperienza di Dio, del suo amore, della sua provvidenza e ancor più della sua misericordia, nascerà in noi il desiderio della conversione, il desiderio di essere come Lui capaci di amore sempre e comunque.

Papa Francesco ci ha rivolto alcuni inviti per questa quaresima:

Non stanchiamoci di pregare. “Abbiamo bisogno di pregare perché abbiamo bisogno di Dio. Nessuno si salva da solo ma soprattutto nessuno si salva senza Dio, perché solo il mistero pasquale di Gesù Cristo dà la vittoria sulle oscure acque della morte”. “Durante la Quaresima siamo chiamati a rispondere al dono di Dio accogliendo la sua Parola «viva ed efficace». L’ascolto assiduo della Parola di Dio fa maturare una pronta docilità al suo agire che rende feconda la nostra vita”.

Non stanchiamoci di estirpare il male dalla nostra vita. “Il digiuno corporale a cui ci chiama la Quaresima fortifichi il nostro spirito per il combattimento contro il peccato. Non stanchiamoci di chiedere perdono nel sacramento della Penitenza e della Riconciliazione, sapendo che Dio mai si stanca di perdonare. Non stanchiamoci di combattere contro la concupiscenza, quella fragilità che spinge all’egoismo e ad ogni male e fa precipitare l’uomo nel peccato”.

Non stanchiamoci di fare il bene nella carità operosa verso il prossimo. “La Quaresima è tempo propizio per cercare, e non evitare, chi è nel bisogno; per chiamare, e non ignorare, chi desidera ascolto e una buona parola; per visitare, e non abbandonare, chi soffre la solitudine. Mettiamo in pratica l’appello a operare il bene verso tutti”. La colletta per l’Ucraina del 13 marzo, l’accoglienza dei profughi della guerra e la consueta iniziativa della quaresima di fraternità “Nessuno tra loro era nel bisogno”, iniziative promosse dalla Caritas, ci offriranno opportunità concrete per rendere operosa la nostra carità.

Questa quaresima si colloca nel tempo del Sinodo. È un’occasione di Grazia che il Signore ci dona per verificare se siamo comunità attraente che vive nella fraternità e nella pace, capace di testimoniare e annunciare oggi il Vangelo. Questo confronto non potrà che aiutarci a “convertirci” ad un modo più vero e attuale di essere Chiesa.

Iniziamo con decisione e coraggio questo tempo di conversione. C’è tanto bisogno di cuori nuovi pieni di Gesù, di persone risorte: sono la certezza che la guerra non prevarrà sulla pace, che la vita trionferà sulla morte.

Buona quaresima.

Vi benedico”.

+ Marco

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo