Etichette per la Saclàrealizzate dagli studenti
Attualità

Etichette per la Saclà
realizzate dagli studenti

Una premiazione alla presenza di Edoardo Raspelli, il critico gastronomico più famoso d'Italia. Protagonisti diversi studenti delle scuole astigiane che, insieme ai loro insegnanti, hanno

Una premiazione alla presenza di Edoardo Raspelli, il critico gastronomico più famoso d'Italia. Protagonisti diversi studenti delle scuole astigiane che, insieme ai loro insegnanti, hanno partecipato alla cerimonia conclusiva del progetto "Ama…ti", promosso dalla consigliera di parità della Provincia in collaborazione con l'Ufficio scolastico territoriale e l'azienda Saclà, patrocinato dal Ministero della Salute e dalla Provincia.

Incentrato sullo slogan "Alimentare l'autostima", il progetto voleva incoraggiare i ragazzi ad avere stima di sé stessi per evitare di incappare in varie forme di disagio, da quelle legate all'alimentazione (anoressia, bulimia) all'accettazione di forme di mobbing e prevaricazione. L'iniziativa ha coinvolto ad Asti le scuole Dante Alighieri, Brofferio – Martiri della Libertà, Goltieri, Jona, liceo Vercelli, istituto Giobert, istituto Penna, Casa di Carità Arti e Mestieri, scuole tecniche San Carlo e in provincia gli istituti Astesano di Villanova, Bellone di Costigliole, Alfieri di San Damiano.

Durante l'incontro sono intervenuti il dirigente scolastico provinciale Franco Calcagno, il consigliere provinciale Vincenzo Calvo, l'assessore comunale Andrea Cerrato, la responsabile della linea Casa Saclà Lucia Ercole. «Le classi coinvolte nel progetto -? ha spiegato Chiara Cerrato -? hanno lavorato all'elaborazione di testi e illustrazioni, alcune delle quali saranno utilizzate come etichette da apporre sui prodotti Saclà di una speciale linea di alta qualità. I ragazzi, guidati dai loro docenti, hanno riflettuto sul tema del loro rapporto con il cibo. Abbiamo promosso anche due incontri, con il dietologo Giorgio Calabrese e la psicologa Patrizia Garofano, per affrontare problemi comuni a molti adolescenti, come i disturbi alimentari, le ferite auto inflitte, l'estraniazione dalla realtà».

«Abbiamo scelto di sposare questa iniziativa del territorio astigiano -? ha affermato Chiara Ercole, vice presidente della Saclà – perché crediamo nell'importanza di trasmettere ai ragazzi valori positivi di amore e rispetto di sé e degli altri, attraverso le scelte di alimentazione e condivisione del cibo. E' fondamentale stimolare la riflessione dei ragazzi su questi temi, per poter sin da giovani apprezzare il valore degli alimenti, capirne l'impatto sulla propria salute e il valore conviviale». I prodotti con le speciali etichette potranno essere acquistati durante la manifestazione "Brinda docg nel territorio patrimonio dell'Unesco", che si svolgerà nell'androne del Municipio in piazza San Secondo fino al 2 giugno dalle 11 alle 19. L'iniziativa si ripeterà poi ogni fine settimana fino al 28 giugno.

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo