Flop Asti Expo, la replica di Cerrato:«Mai più una fiera come questa»
Attualità

Flop Asti Expo, la replica di Cerrato:
«Mai più una fiera come questa»

«Nessuno è stato soddisfatto di questa fiera, né gli standisti, né il Comune, né gli organizzatori e sicuramente un’altra fiera come questa non si può più fare». A dirlo è l’assessore al

«Nessuno è stato soddisfatto di questa fiera, né gli standisti, né il Comune, né gli organizzatori e sicuramente un’altra fiera come questa non si può più fare». A dirlo è l’assessore al Commercio e alle Fiere Andrea Cerrato al termine della seconda edizione di AstiExpo, la contestatissima manifestazione all’Enofila finita sotto accusa per non aver raggiunto la qualità sperata, facendo addirittura rimpiangere l’ex fiera campionaria, pur con tutti i limiti del vecchio format. Ma di chi è la colpa se AstiExpo è stato un mezzo flop? Ci saranno conseguenze sul contratto quinquennale firmato tra Comune e organizzatore? Oppure passerà tutto in cavalleria?

A chiamare in causa l’assessore Cerrato (e in parte la CDM Events di Franco Capra che ne ha curato l’organizzazione) sono stati, tra gli altri, i rappresentanti delle 4 associazioni di categoria (Confesercenti, Ascom, Confartigianato e CNA) i quali non hanno condiviso le scelte fatte dal Comune e dalla CDM sui temi trattati (fitness, benessere e alimentazione) lamentando inoltre di non essere stati ascoltati quando avevano messo in guardia i promotori sulle criticità che AstiExpo avrebbe potuto creare tra i loro associati, difficilmente collocabili in un contesto di quel genere. Mauro Ardissone (Confesercenti), Claudio Bruno (Ascom), Giansecondo Bossi (Confartigianato) e Guido Migliarino (CNA) hanno rivolto tramite il nostro giornale 4 domande all’assessore Cerrato, domande alle quali l’assessore non ha dato risposta se non indirettamente facendo sapere di non essere intenzionato a rimettere nelle mani del sindaco la delega sulle Fiere.

«Nei prossimi giorni faremo un incontro tra Comune e CDM per analizzare insieme cosa non ha funzionato, se l’organizzatore ha rispettato per intero quanto previsto dall’appalto, per decidere se andare avanti con CDM, cambiare gestore o modificare parte del capitolato – spiega Cerrato – Probabilmente la città di Asti ha bisogno di non rompere in modo immediato con il vecchio format della fiera ma, magari, di tenere una campionaria che abbia al suo interno una sezione a tema. Il nostro target è quello delle famiglie e dei bambini e su questo dobbiamo lavorare». Rispetto alle critiche mosse (una di queste riguarda la comunicazione dell’evento, a cominciare dal sito ufficiale che continua a riportare il calendario di ottobre) Cerrato puntualizza che della comunicazione si sono occupati quelli della CDM Events e non il Comune.

«Chiederemo a Capra di mostrarci tutto quello che è stato fatto per promuovere AstiExpo – aggiunge Cerrato – ma penso che di promozione se ne sia fatta parecchia, anche nei paesi dell’Astigiano, tramite i manifesti». In una nota stampa di lunedì l’assessore ha inoltre ricordato l’esito di un incontro tra Comune, CDM e standisti avvenuto domenica mattina. «E’ stato un incontro teso all’inizio, poi è emersa la volontà di costruire qualcosa di nuovo con gli stessi operatori come parte attiva, vista la loro esperienza, di quella che sarà l’edizione del prossimo anno». Un’edizione storica perché avverrà nei giorni dell’Expo di Milano, momento in cui Asti non potrà permettersi il lusso di sbagliare ancora una volta in una delle sue iniziative di punta.

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo