schede elettorali elezioni politiche 2022
Attualità
Il dopo voto

Il Centrodestra oltre il 60% a Montegrosso, ma quasi un astigiano su quattro non è andato a votare

Il centrodestra si impone ovunque e spinge la provincia di Asti a sostenere il nuovo governo guidato da Fratelli d’Italia

Com’è andato il voto nei principali comuni dell’Astigiano? Vediamolo zona per zona.

Canelli

L’onda lunga del consenso al centrodestra passa anche per Canelli. Sorprende il dato sull’affluenza che, in mattinata, pareva buono crollato nel pomeriggio. Alla Camera fa il pieno Marcello Coppo con il 58,97% di voti. Lo tallona, ad ampia distanza, Andrea Ghignone (Pd) con il 21,97% dei suffragi. Un bel risultato per il sindaco di Moasca, alla sua prima esperienza nazionale. La Lega soffre ma non deraglia, attestandosi al 16,43 alla Camera. Vola FdI conquistando il 31,43 al Senato e il 31,17 alla Camera. Stabile Forza Italia al di sopra dell’11%. Gli elettori consegnano al M5S il 6,5%. Alessandro Rosso, segretario della Lega Valle Belbo, commenta che «si sapeva che l’onda d’urto ci sarebbe stata. Ora si tratta di lavorare per recuperare».

Nizza

Anche nella città del “Campanòn” Fratelli d’Italia è il partito più votato alla Camera: 1306 voti, il 30%, in una coalizione di centrodestra che si porta a casa il 54,35%. Del gruppo c’è la Lega in seconda posizione, 591 voti (13,58%), quindi Forza Italia (448 voti e il 10,30%). Il secondo partito sono i Democratici, con 733 voti (16,85) in una coalizione che raggiunge il 23,61%. Completano il quadro 434 voti per il Terzo Polo e 396 per il M5S. Scenario paragonabile per il Senato, in cui il centrodestra si attesta al 54,32% (2453 voti, di cui il 30% è per Fdi) e il centrosinistra al 23,69% (1070, 17% al PD).

San Damiano

Ha votato il 65,77% degli aventi diritto, ossia 3.880 su 5.899 elettori e complessivamente i voti validi sono stati il 94.18%. Il centrodestra rappresentato da Marcello Coppo ha raggiunto il 56,03 % dei suffragi, mentre il centrosinistra si è fermato al 23,38%; decisamente più basse le altre liste con Italia Viva al 7,77%, il Movimento 5 Stelle all’8,34%, Italia Sovrana e popolare all’1,02%. In controtendenza al risultato nazionale Italexit di Gianluigi Paragone, che ha raccolto il 2,38%.

Moncalvo

Il centrodestra continua a essere nei cuori e nelle matite dei moncalvesi. In questa tornata a cambiare sono però i rapporti di forza: Fratelli d’Italia surclassa tutti con quasi il 34% dei voti. Al secondo posto, distaccato, il Partito Democratico con poco più del 15%. Terza piazza per la Lega con il 14%. Scende di 4 punti l’affluenza: dal 72% del 2018 al 68% di domenica scorsa.

Castelnuovo Don Bosco

Confermata la tendenza nazionale dallo scrutinio dei voti: il centro-destra a trazione Giorgia Meloni sfonda il 50% sia alla Camera che al Senato con Fratelli d’Italia che raccoglie percentuali da prima Repubblica: 30,36% per il candidato al Senato Paolo Zangrillo e 30,18% per Marcello Coppo, candidato alla Camera. Tiene invece la Lega che, contrariamente al dato nazionale, supera il 10%. Rimane confermato anche il dato dell’astensionismo che ha tenuto a casa un terzo degli elettori: ha votato il 66,02%

Villanova d’Asti

Forte il calo degli elettori anche a Villanova dove ha votato solo il 68,82% degli aventi diritto contro il 76,58% del 2018. La coalizione di centro-destra ha più che doppiato quella di centro-sinistra con il 52,66% (1475 voti) per la prima contro il 23,10% (647 voti) per la seconda alla Camera e con il 52,70% (1473 voti) contro il 22,29% (623 voti) al Senato. Fratelli d’Italia la lista più votata con una percentuale di poco superiore al 30%. Terza forza scelta dagli elettori il M5S che va oltre il 12% in entrambe le Camere.

Costigliole e Val Tiglione

Confermano la loro preferenza per le politiche di centro destra i paesi a sud del Tanaro. A Costigliole, dove ha giocato in casa Andrea Giaccone, la coalizione di centrodestra ha raccolto pressoché il triplo dei voti della compagine di centrosinistra in cui era candidato Andrea Ghignone: il 62,47% contro appena il 19,67%; a seguire il 6,51% del M5S e il 6,18% di Azione-Italia Viva-Calenda. 61,11% del centrodestra a Mombercelli, 60,47 a Montegrosso, 58,59 a Castagnole Lanze. A Moasca, Comune di cui è sindaco Andrea Ghignone, la sfida si è chiusa con il 49,66% a favore del centrodestra contro il 35,62%.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo