Il comitato del no al teleriscaldamentosi dà appuntamento in Provincia
Attualità

Il comitato del no al teleriscaldamento
si dà appuntamento in Provincia

Questa sera, venerdì, si terrà un nuovo incontro aperto alla cittadinanza per discutere del progetto di teleriscaldamento che interesserà la città di Asti e la cui centrale, a ridosso

Questa sera, venerdì, si terrà un nuovo incontro aperto alla cittadinanza per discutere del progetto di teleriscaldamento che interesserà la città di Asti e la cui centrale, a ridosso dell’ospedale Cardinal Massaia, non convince molti cittadini, molti dei quali hanno dato vita ad un comitato spontaneo per contrastare la costruzione della rete. L’appuntamento è alle 20.50 nel salone consiliare della Provincia, in piazza Alfieri. Durante l’incontro, al quale sono invitati a partecipare anche il sindaco, gli assessori, i consiglieri comunali e regionali e i vertici della direzione dell’Asl, saranno illustrati «in modo chiaro e schematico – spiegano dal comitato – tutte le criticità inerenti questo insostenibile progetto, nonché le possibili, e molto più sensate, alternative. Saranno presentate le osservazioni aggiornate di alcuni tecnici componenti il “comitato dei cittadini no teleriscaldamento” su tale progetto, anche alla luce della pubblicazione, il 7 agosto scorso, dei documenti relativi alla Valutazione di Impatto Ambientale presentati dall’AEC SpA (Asti Energia e Calore, la società di cui sono soci ASP SpA, Iren Energia SpA e ASTA SpA), che intende sostenere un investimento di circa 40 milioni di euro per la costruzione dell’impianto di teleriscaldamento. Durante la serata verranno inoltre illustrate le esperienze e le criticità del teleriscaldamento in altre città piemontesi».

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale