Serena la prima bambina nata nel 2020
Attualità

Il primo vagito del 2020 è stato quello della piccola Serena

Per par condicio, se l’ultimo nato del 2019 è stato un maschietto, il primo nato del 2020 è stata una bella bimba. L’hanno chiamata Serena e ha visto la luce alle 10,52 del 1 gennaio, piccolina e perfetta, 2 chili e 800 grammi per 47 centimetri di lunghezza

Il primo vagito 2020 quello di Serena

Per par condicio, se l’ultimo nato del 2019 è stato un maschietto, il primo nato del 2020 è stata una bella bimba.
L’hanno chiamata Serena e ha visto la luce alle 10,52 del 1 gennaio, piccolina e perfetta, 2 chili e 800 grammi per 47 centimetri di lunghezza.
“E’ nata con parto cesareo – spiega il primario del reparto, Maggiorino Barbero che ha operato con il suo staff composto, tra gli altri, dal dott. Mauro Musso e dall’ostetrica Chiara Gianotti – perché all’ultimo momento ha preso una posizione podalica, ma è stato comunque un parto tranquillo e veloce senza alcuna complicazione.”

Qui in ospedale sono stata benissimo

E lo conferma la mamma Barbara che, a pochi minuti dall’evento, insieme al marito Pier Carlo, tiene Serena tra le braccia.
“Ero già stata qui quando tre anni fa è nata la nostra primogenita Giorgia – racconta emozionata – e anche adesso, come allora, sono stata benissimo grazie alla professionalità e alla gentilezza dei medici e di tutto il personale del reparto”.

Genitori di Santo stefano Belbo

Una bambina serena di nome e di fatto, che dorme tranquilla ignara di tutto, nuovo motivo di orgoglio per i suoi genitori, imprenditori agricoli di Santo Stefano Belbo, che grazie a questo involontario primato ha già ricevuto la visita del sindaco Maurizio Rasero e dell’assessore Mariangela Cotto.
Entrambi hanno infatti hanno voluto portare personalmente i loro auguri alla famiglia Pia e donare un magnum di Asti Spumante della riserva personale del sindaco, bottiglia che chissà se servirà per un brindisi o se si conserverà come un bellissimo ricordo?

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo