Cerca
Close this search box.
canova località
Attualità
Interpellanza

«In località Canova serve luce sulla strada e più sicurezza per i pedoni»

Il consigliere comunale Malandrone (Ambiente Asti) chiede all’amministrazione di intervenire con urgenza

È stata presentata all’amministrazione comunale un’interrogazione, da parte del consigliere di minoranza Mario Malandrone, riguardante i rilevanti problemi di illuminazione in località Canova, alle porte di Asti. Come riportato dal consigliere, la strada statale 10 che attraversa sia la frazione, sia il centro urbano del Palucco, da mesi è priva di illuminazione: problematica non solo di carattere urbanistico, ma un vero e proprio disagio per i residenti e per la loro sicurezza.

Come premesso nell’interrogazione riportata alla giunta comunale, l’incolumità di pedoni e ciclisti è a rischio da tempo, con problematiche ancora maggiori nei mesi invernali e autunnali. La località, capolinea della linea 3 del bus cittadino inoltre, ospita una importante RSA con molti ospiti, famigliari e lavoratori che, transitando e utilizzando il trasporto pubblico, vanno ad aumentare la sensibilità della zona.

Impossibile infatti l’utilizzo delle banchine, strette e mal funzionati nonostante la posizione che assumono affiancando una strada trafficata spesso ad alte velocità. Richieste da Malandrone nella sua richiesta una spiegazione sulla situazione che affligge la località, delle possibili soluzioni messe in atto e la motivazione «dell’abbandono da parte del Comune». Ulteriormente sottolineata nell’interpellanza, la mancanza di una sistemazione di sicurezza, anche temporanea, per tutti i pedoni e ciclisti che attraversano la statale e una maggior monitoraggio e controllo delle auto che troppo spesso superano i limiti di velocità anche in una zona ad alta sensibilità come la località in questione.

[nella foto località Canova]

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Scopri inoltre:

Edizione digitale