Palucco
Attualità
Interpellanza

Palucco: «Perché i lavori annunciati non sono mai iniziati?»

Sopralluogo dei consiglieri di minoranza dove la sicurezza «è rimasta sulla carta»

«È ormai chiaro che le frazioni non sono al centro dell’interesse dell’attuale amministrazione, per cui ci sembra giusto ricordare che Asti non finisce solo nell’isola pedonale, ma comprende anche le ventine. Quest’ultime non devono interessare solo in campagna elettorale, non possono essere oggetto di annunci sempre disattesi». Così i consiglieri comunali di minoranza Mario Malandrone, Angela Quaglia, Giorgio Spata, Maria Ferlisi, Luciano Sutera, Giuseppe Dolce, Mauro Bosia, Michele Anselmo, Massimo Cerruti, Davide Giargia e Martina Veneto commentano lo stato in cui versa il Palucco, in particolare la situazione antistante la strada provinciale che taglia in due la frazione. È un problema di sicurezza noto da anni, ma non ancora risolto, che i consiglieri sollevano in un’interpellenza urgente indirizzata al sindaco Rasero. Appena due pagine nelle quali, però, l’opposizione ricorda tutta una serie di “annunci” rispetto alla volontà dell’amministrazione comunale di intervenire con un articolato progetto che avrebbe dovuto mettere in sicurezza la frazione. Progetto rimasto, in larga parte, sulla carta.

«In quel tratto viario vi sono tre esercizi commerciali indispensabili e frequentati dai residenti, soprattutto anziani – ricordano i consiglieri – Vi è una difficoltà nella sosta dei veicoli (sul lato destro in direzione di Asti) dovuto al dislivello dell’asfalto e pure sul lato sinistro non solo la sosta è in parte vietata, ma vista la scarsa visibilità e l’alta velocità, spesso è pericoloso immettersi, sostare e attraversare la strada».

I consiglieri hanno deciso di svolgere un sopralluogo sul posto per parlare con i residenti e con chi gestisce le poche attività strategiche per chi abita in zona.

«Gli esercenti lamentano le condizioni di pericolosità della strada – continua l’opposizione – “Serve una maggiore illuminazione e visibilità dei due attraversamenti pedonali” chiedono i commercianti. “Stando in negozio tutto il giorno, considerando il forte traffico in questo tratto, sentiamo continuamente insulti, fra automobilisti e pedoni, inchiodate, colpi di clacson e spesso anche tamponamenti fra vetture che denotano la pericolosità della strada”».

Eppure un progetto per mettere in sicurezza il Palucco c’è e prevede la realizzazione di un intervento per migliorare la strada (si lavorerebbe sul dislivello e sulla sicurezza a 360 gradi, creando anche parcheggi), l’installazione di una pensilina dell’autobus, la costruzione di una rotonda e di un migliore innesto sulla rotatoria per Revignano. Nel recente passato si sono verificati anche gravi incidenti, uno in particolare ha coinvolto un ciclista. È stata anche promossa una raccolta firme tra i residenti, già nel 2014. La precedente amministrazione comunale, guidata dal sindaco Brignolo, aveva votato, nel 2016, una piccola variante per adeguare il Piano regolatore al progetto definitivo dei lavori che il Comune avrebbe avuto intenzione di fare, tra cui la creazione della nuova rotonda, ma, come sottolineato dai consiglieri, «due anni fa, l’attuale amministrazione ha annunciato soluzioni imminenti: ci chiediamo se questa politica degli annunci andrà avanti fino a fine mandato dell’attuale amministrazione».

Tra le richieste che arrivano dalla frazione c’è anche quella di incrementare l’illuminazione pubblica tra il Palucco e Asti, di predisporre una pista ciclabile e di mettere in sicurezza l’attraversamento pedonale che taglia in due la strada provinciale.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo