Papa Francesco ad Asti: fumata nera
Attualità

Papa Francesco ad Asti: fumata nera

Il Santo Padre trascorrerà in Piemonte non uno, ma due giorni (21 e 22 giugno), senza alcuna possibilità di visitare la terra d’origine dei propri genitori. Bergoglio arriverà all’aeroporto di Caselle alle 8 di domenica 21 giugno per partecipare ai festeggiamenti del Bicentenario di Don Bosco e in occasione dell’Ostensione della Sacra Sindone. Tra i vari impegni ufficiali, anche qualche momento più personale, come l’incontro con alcuni suoi famigliari…

L’ultimo barlume di speranza si è spento mercoledì, il tempo di leggere, con attenzione, tutti i dettagli della visita di Papa Francesco a Torino. Il Santo Padre trascorrerà in Piemonte non uno, ma due giorni (21 e 22 giugno), senza alcuna possibilità di visitare la terra d’origine dei propri genitori. E’ ormai definitiva la fumata nera per la visita del Papa nell’Astigiano perché nel programma del viaggio, diramato mercoledì dalla sala stampa vaticana, non si parla di tappe al di fuori dal capoluogo regionale. Bergoglio arriverà all’aeroporto di Caselle alle 8 di domenica 21 giugno per partecipare ai festeggiamenti del Bicentenario di Don Bosco e in occasione dell’Ostensione della Sacra Sindone.

Tra i vari impegni ufficiali, anche qualche momento più personale, come l’incontro con alcuni suoi famigliari, “in forma strettamente privata”, che il Papa vedrà lunedì 22 giugno alle 10.15 celebrando per loro una messa nella Cappella dell’Arcivescovado seguita da un breve pranzo. Niente da fare anche per il Colle Don Bosco dove, almeno in un primo tempo, c’era la speranza che il Santo Padre potesse trascorre alcune ore in preghiera, anche in visita privata, nel luogo dove nacque il santo sociale. Da Asti confermati invece i pullman che accompagneranno i fedeli, domenica 21, alla celebrazione eucaristica in programma in piazza Vittorio, momento solenne delle celebrazioni in memoria di San Giovanni Bosco.

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo