Montechiaro-progetto scuola
Attualità

Siglato il progetto esecutivo per il nuovo polo scolastico di Montechiaro

I lavori saranno finanziati dalla Regione Piemonte

La scuola elementare si sposta in regione San Dionigi

Installate le telecamere si pensa ora al nuovo polo scolastico: proseguono i progetti dell’Amministrazione Luzi annunciati nel programma elettorale. «Lo scorso 27 aprile – fa sapere il sindaco Paolo Luzi – è stato approvato in via esecutiva dal Consiglio dell’Unione Collinare Val Rilate il progetto per il nuovo polo scolastico di Montechiaro a suo tempo risultato primo in graduatoria e finanziato con un contributo di 1.325.000 euro interamente a carico della Regione Piemonte». La scuola primaria lascerà l’attuale sede di via Piesenzana per trasferirsi in un nuovo edificio in regione San Dionigi dando così vita a un unico polo scolastico insieme alla scuola media e materna, palestra, biblioteca e laboratori, per gli alunni di tutti i comuni della Val Rilate. Il nuovo edificio su due piani sarà collegato con una passerella all’adiacente scuola media e potrà ospitare circa 110 alunni. La creazione di un unico polo scolastico consentirà inoltre di ottimizzare le spese energetiche e di gestione. «Grazie ai tecnici, che nonostante il periodo di pandemia da Coronavirus sono riusciti a rispettare il cronoprogramma, al vice sindaco Maurizio Marcanzin, che ha seguito l’iter procedurale con il geometra Garbero, tecnico del Comune di Montechiaro, e ai colleghi sindaci dell’Unione, che hanno compreso l’importanza dell’investimento per l’intero territorio della Val Rilate, entro il mese di agosto saranno appaltati i lavori», conferma il sindaco.

Attivate in paese le telecamere di sorveglianza

Per quanto riguarda il capitolo sicurezza, da qualche settimana sono attive a Montechiaro 36 telecamere di cui 7 a lettura targhe in corrispondenza delle strade di accesso al paese e 29 di contesto nei punti strategici del comune.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo