Un codice anticorruzione in Comune
Attualità

Un codice anticorruzione in Comune

Un Codice di comportamento per prevenire fenomeni di corruzione, di qualsiasi genere, sta per essere adottato dal Comune e, presto, dovrà essere rispettato da tutti i dipendenti con contratto a tempo

Un Codice di comportamento per prevenire fenomeni di corruzione, di qualsiasi genere, sta per essere adottato dal Comune e, presto, dovrà essere rispettato da tutti i dipendenti con contratto a tempo indeterminato (o a termine), collaboratori, consulenti (con qualsiasi tipologia di contratto o incarico) ma anche da chi ricopre incarichi in uffici di diretta collaborazione col sindaco, assessori, nonché dai collaboratori di imprese fornitrici di beni o servizi che realizzano opere in favore dell'amministrazione. Scade oggi alle 12 il termine utile per far pervenire al Segretario generale del Comune proposte e osservazioni sulla bozza del documento che è già stato predisposto dagli uffici con 16 articoli volti a formalizzare il comportamento cui i dipendenti devono attenersi con il pubblico, con gli organi di informazione e durante le ore di servizio. Il Codice spiega inoltre quale atteggiamento dev'essere tenuto nel caso si ricevessero regali o altri compensi riferiti all'incarico comunale. Non solo. Indica anche quali sono gli organi di controllo che vigilano sull'applicazione delle norme (viene identificato un apposito Responsabile della prevenzione della corruzione) e le eventuali sanzioni per violazioni gravi o reiterate.

Il Codice è stato predisposto ai sensi dell'art. 54, comma 5, del decreto legislativo 30/03/2001 n. 165 e nel rispetto delle linee guida contenute nella delibera del 24/10/2013 n.75 della Commissione per la valutazione, trasparenza e integrità delle amministrazioni pubbliche (Autorità Nazionale Anticorruzione). Nella bozza, all'art. 3 (principi generali) è scritto che il dipendente comunale «adegua il proprio comportamento ai principi di integrità, correttezza, buona fede, proporzionalità, obiettività, trasparenza, equità e ragionevolezza e agisce in posizione di indipendenza e imparzialità, astenendosi in caso di conflitti di interesse». Nell'art. 4 (regali e compensi) si ricorda il divieto «di chiedere o sollecitare, per sé o per altri, regali o altre utilità» ma si riconosce al dipendente il diritto «di accettare regali di modico valore, effettuati occasionalmente, nell'ambito delle normali relazioni di cortesia e delle consuetudini internazionali».

Per questi regali, «che possono essere accettati solo in occasione delle festività natalizie e pasquali» viene fissato un tetto economico totale di 150 euro annui (anche sotto forma di sconti o altri titoli sostitutivi del denaro) ma, in ogni caso, «è vietato accettare per qualsiasi importo somme di denaro o preziosi». Il dipendente che fosse omaggiato di doni fuori dai limiti concessi deve subito restituirli e segnalare l'accaduto, per iscritto, al Responsabile anticorruzione. L'impiegato non può inoltre accettare «incarichi di collaborazione da soggetti privati che abbiano, o abbiano avuto, nel biennio precedente, un interesse economico significativo in decisioni o attività inerenti l'ufficio di appartenenza». Per interessi economici si intende, tra le altre cose, l'affidamento di concessioni, autorizzazioni, permessi che comportino arricchimento patrimoniale o esercizio di attività economiche; affidamenti di incarichi di consulenza o di collaborazione professionale; affidamenti di appalti, sub appalti, cottimi fiduciari o concessioni di lavori, servizi o forniture; la concessione di sovvenzioni, contributi e ausili finanziari o l'attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere.

Entro 30 giorni dall'adozione del Codice il dipendente deve comunicare al dirigente «l'appartenenza ad associazioni e organizzazioni che svolgono attività nello stesso settore di competenza dell'ufficio di appartenenza» e, nel caso sorgessero conflitti di interesse, deve tempestivamente, e per iscritto, informarne il dirigente specificando il motivo per cui si astiene dal compiere il proprio lavoro. La bozza del Codice prevede che tutti i dipendenti del Comune siano chiamati a prevenire episodi di illeciti «segnalando eventuali fenomeni di corruzione o di grave irregolarità di cui abbiano avuto riscontro o di cui siano a personale conoscenza» ma sempre con la garanzia di restare anonimi. I dipendenti inoltre «mantengono riservate notizie e informazioni apprese nell'esercizio delle proprie funzioni e si astengono da dichiarazioni e comportamenti che possono nuocere al prestigio e all'immagine del Comune».

All'art. 10 il Codice prescrive che i dipendenti utilizzino attrezzature, macchinari e beni in dotazione «solo per scopi legati ad esigenze di lavoro, evitando inutili sprechi, consumi e danneggiamenti» ma è anche vietato trasportare terzi sulle auto di servizio, se non per motivi d'ufficio, o usare le linee telefoniche «per fini personali» e, nel caso si ricevessero telefonate private, «le linee devono essere utilizzate per il tempo strettamente necessario». Non meno controllata è l'effettiva entrata in servizio che, «salvo casi eccezionali e motivati e previa l'autorizzazione del dirigente deve avvenire nella sede dell'ufficio di appartenenza». Ugualmente l'impiegato, dopo aver timbrato il badge, «si astiene da compiere attività che ritardino l'effettiva presa di servizio; non abbandona la sede di lavoro senza la preventiva autorizzazione del dirigente e senza aver preceduto alla timbratura in uscita». In più il Codice sottolinea come, durante le attività esterne, «siano vietate commissioni di alcun tipo per attività non lavorative».

I rapporti con il pubblico (art. 11) devono essere «improntati alla cortesia, al rispetto e alla professionalità» ma viene inoltre suggerito di usare «un linguaggio chiaro e semplice, consono all'attività svolta, assicurando la massima disponibilità e collaborazione con l'utenza». E ancora: gli impiegati «non rilasciano dichiarazioni agli organi di stampa ed ai mezzi di comunicazione né effettuano altre esternazioni pubbliche se non previamente ed espressamente autorizzati». I dipendenti cui vengono contestate gravi o reiterate violazioni possono essere licenziati mentre altri soggetti, non direttamente alle dipendenze del Comune, possono essere colpiti dalla revoca dell'incarico di consulenza, collaborazione o all'immediata risoluzione del contratto siglato con l'ente. «Questo è un bel passo in avanti al contrasto interno ad eventuali fenomeni di corruzione – commenta l'assessore alla Legalità Alberto Pasta – Ma è anche uno strumento per dare maggiore trasparenza nei confronti dei cittadini. E' nostra intenzione rendere operativo il Codice già a partire da gennaio».

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale