Uno “Scatol8” per esseresempre al Colle, via web
Attualità

Uno “Scatol8” per essere
sempre al Colle, via web

Il Colle Don Bosco sempre più internazionale: per chi non può raggiungere fisicamente il centro della spiritualità salesiana, basterà un click sul pc o un collegamento da cellulare per trovarsi

Il Colle Don Bosco sempre più internazionale: per chi non può raggiungere fisicamente il centro della spiritualità salesiana, basterà un click sul pc o un collegamento da cellulare per trovarsi immediatamente ai piedi della basilica, seppur in forma virtuale. E non solo per vedere il movimento intorno al santuario, come farebbe una normale web cam, ma per sapere anche la temperatura di quel preciso momento, il tasso di umidità, la velocità e la direzione del vento, il livello di pioggia. E’ stato infatti installato nei giorni scorsi lo Scatol8, un sistema di telerilevamento di variabili ambientali, paesaggistiche e gestionali sviluppato dall’Università di Torino.

A lavorare al progetto è stato il Riccardo Beltramo, professore del Dipartimento di Management dell’ateneo torinese che ha sviluppato il sistema insieme ad un team di ricercatori. «Questo progetto è nato per diffondere la cultura della sostenibilità nella sua accezione completa – spiega il professor Beltramo – dunque riferita ad aspetti ambientali, sociali ed economici. Questa è la ragion d’essere di Scatol8 che si basa su tecnologie e conoscenze largamente disponibili tra i giovani e sull’uso di internet per la lettura dei dati». Scatol8 è stato progettato per misurare la qualità dell’aria, dell’acqua, del suolo, la quantità di risorse impiegate, consumi energetici, quantità di rifiuti prodotti, tutti derivati dai rilevamenti di un’ampia gamma di sensori e di dati provenienti dall’interazione con le organizzazioni economiche.

Perchè la scelta di questa sperimentazione è caduta sul Colle don Bosco? «Perchè Scatol8 sostiene la pedagogia di Don Bosco, proponendosi come strumento utile per l’educatore al fine di “leggere” l’ambiente in maniera ragionata – spiega ancora il professore – a partire da dati certi, coni quali è possibile interagire in tempo reale. La lettura della complessità della realtà consente di intraprendere percorsi di conoscenza del rapporto fra l’uomo e la natura nelle dimensioni ambientale, economica e sociale».
Lo scopo di queste valutazioni scientifiche dei dati ambientali? «L’analisi delle serie storiche dei dati fornisce indicazioni per prevenire gli impatti, modificando comportanti indivudali e collettivi per uno sviluppo armonioso. L’idea di sviluppare una webapp – conclude Riccardo Beltramo – è nata per aprire una finestra sul Colle Don Bosco facilmente accessibile ad un ampio numero di persone».
L’indirizzo al quale collegarsi è http://scatol8.net/colledonbosco.html

d.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo