La Nuova Provincia > Attualità > Ventimila euro dalla “Casa delle Professioni” all’ospedale di Asti
Attualità Asti -

Ventimila euro dalla “Casa delle Professioni” all’ospedale di Asti

Anche la "Casa delle Professioni" in un momento di grande emergenza sanitaria, lo scorso 20 marzo è scesa in campo con un gesto di solidarietà

Donati all’ospedale di Asti 20 mila euro

Anche la “Casa delle Professioni”, che accoglie al suo interno l’Ordine dei Dottori Commercialisti, degli Architetti, dei Consulenti del Lavoro e degli Infermieri, in un momento di grande emergenza sanitaria, lo scorso 20 marzo è scesa in campo con un gesto di solidarietà verso l’Ospedale Cardinal Massaia di Asti donando 20.000 euro e rinunciando così a una parte di risorse della Casa delle Professioni a favore di chi ne ha più bisogno, un atto dettato anche dalla volontà di essere vicino a chi opera ogni giorno in situazioni gravose a rischio della propria salute.

Per l’acquisto dei dispositivi di protezione

“Questi soldi serviranno sia per l’acquisto di dispositivi di protezione per il personale sanitario – ha sottolineato il Presidente, Dott. Angelo Dabbene – che per le strumentazioni adatte a combattere il Coronavirus, un piccolo gesto che consente di alimentare la filiera della vita e di portare avanti spazi di normalità.

Deve prevalere la generosità

È in questi momenti infatti – continua Angelo Dabbene – che deve prevalere la generosità, virtù preziosa, che deve essere raccolta anche da altri nel concreto sostegno della comunità e del nostro territorio perché la solidarietà sociale è il primo fondamento per un paese che vuole rinascere.”

Il ringraziamento dell’Asl

Parole condivise da Fabio Musso, Fausto Cantore e Alberto Campagnolo, Presidenti degli altri singoli Ordini associati. Alla generosa donazione è seguito un sentito ringraziamento del Commissario ASL AT, Giovanni Messori Ioli che, con una lettera, ha espresso gratitudine e apprezzamento a nome personale e di tutti i colleghi e del personale ASL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente