La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, anziana ha un malore in casa, soccorsa dalla polizia
Cronaca Asti -

Asti, anziana ha un malore in casa, soccorsa dalla polizia

La donna non rispondeva al telefono, la sorella chiede aiuto al centralino della Questura

L’allarme lanciato dalla sorella

Il telefono che squilla a vuoto, l’anziana sorella che non risponde, la preoccupazione che qualcosa di grave possa essere accaduto. Con questi pensieri ieri mattina una signora che abita ad Asti si è rivolta alla polizia per chiedere aiuto. Nella telefonata alla sala operativa della Questura la donna racconta che per tutta la mattinata ha provato a chiamare la sorella, senza mai ricevere risposta. Gli agenti delle Volanti si precipitano allora a casa della signora, nella zona est della città. Abita da sola, al quarto piano di un condominio, ma non ha nessun parente o conoscente che possa dare una mano alla polizia per entrare in casa. I poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico provano allora a chiamare al cellulare della signora, lo sentono squillare dall’interno dell’appartamento, ma non ricevono risposta neppure bussando alla porta, chiusa dall’interno con tutte le mandate, o suonando il campanello. I poliziotti chiedono, a quel punto, l’intervento del vigili del fuoco che, giunti rapidamente sul posto, riescono ad entrare nell’appartamento attraverso l’autoscala e infrangendo il vetro della portafinestra. Aprono la porta agli agenti, che entrano in casa, verificano lo stato dei luoghi e trovano l’anziana donna, in cucina, riversa a terra con il viso rivolto al pavimento, apparentemente esanime. «Gli agenti, allora, si sono avvicinati alla donna, l’hanno chiamata per nome e controllato se c’era battito cardiaco: proprio in quel frangente si accorgono che risponde, anche se in stato confusionale – spiega la Questura – Immediatamente, gli operatori della Squadra Volanti sollecitano l’intervento dei sanitari del 118, i quali, giunti sul posto, forniscono alla donna le prime cure e, subito dopo, la trasportano con l’ambulanza presso l’Ospedale di Asti». La situazione di allarme rientra: i poliziotti contattano la signora che aveva allertato i soccorsi, la tranquillizzano e le riferiscono che la sorella nel frattempo ha ripreso conoscenza e che può andarla a trovare in ospedale.

(Nella foto di repertorio il dirigente delle Volanti della polizia di Asti Francesco Gigante)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente