La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, più controlli delle forze dell’ordine sulle strade e sulla movida
Cronaca Asti -

Asti, più controlli delle forze dell’ordine sulle strade e sulla movida

E' una delle indicazioni del Prefetto al Comitato per l'Ordine e la sicurezza pubblica di oggi

Al centro del Comitato per l’ordine e la sicurezza

Un ordine del giorno molto “estivo” quello che è stato al centro della riunione di oggi del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica della Provincia di Asti convocato dal Prefetto, dottor Alfonso Terribile.

Riguarda la particolare attenzione richiesta in vista dell’esodo estivo che dall’imminente week end entra nel vivo. Dunque un richiamo ad applicare le direttive sui servizi di polizia stradale.

Comportamenti pericolosi alla guida

La nostra provincia non è particolarmente interessata dalle grandi direttrici stradali turistiche, ma non per questo sarà meno attenta la vigilanza sui comportamenti di guida più pericolosi come l’eccesso di velocità, il mancato uso di casco e cinture di sicurezza, la guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti e ancora l’uso del telefono cellulare al volante.

Vige ancora il divieto di assembramento

Altro settore di particolare interesse dei controlli delle forze dell’ordine, sempre legato al periodo estivo, è quello che riguarda la maggior propensione ad uscire di casa soprattutto durante la sera. Visto che è ancora in vigore il divieto di assembramento come principale regola anti contagio da Covid, le pattuglie saranno impegnate nel rafforzare controlli sulla “movida” e sugli affollamenti nelle vie pedonali e nei luoghi di ritrovo sia della città che dei paesi della provincia.

Un fenomeno cui il nostro territorio non è immune. Basti pensare all’intervento sul rave party dello scorso week end organizzato sulle rive del Tanaro nel Comune di San Martino Alfieri dove sono state numerose le violazioni alle norme di distanziamento sociale per evitare il propagarsi del contagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente