La Nuova Provincia > Cronaca > Canelli, scritte sui muri della ex stazione fatte per noia: denunciato un 19enne
Cronaca Canelli e sud -

Canelli, scritte sui muri della ex stazione fatte per noia: denunciato un 19enne

Identificato attraverso le immagini del sistema di videosorveglianza. Accusato anche di aver vandalizzato chiosco e panchine a Cassinasco

Gli episodi a Canelli e Cassinasco

Ci sarebbe la noia dietro il comportamento seriale di un 19enne canellese che in poche settimane ha imbrattato muri e vandalizzato chiosco e panchine pubbliche.

Noia dettata dall’isolamento imposto per l’emergenza sanitaria che si è scaricata prima sull’ex stazione ferroviaria di Canelli e poi sull’arredo urbano di Cassinasco.

Scritte fatte sui muri appena ridipinti

A Canelli, lo avevamo riportato anche noi in cronaca, erano stati imbrattati i muri esterni dell’edificio che un tempo ospitava la stazione e che era stato recentemente ripulito e ritinteggiato completamente; insieme al lavoro di risistemazione del verde intorno fatto da volontari del paese, aveva ridonato un aspetto molto decoroso a quell’angolo di città. Ma le scritte simil-anarchiche e gli insulti alle forze dell’ordine che erano comparse una mattina l’avevano di nuovo deturpata. Anche se RFI, in pochi giorni, aveva inviato una squadra per cancellarle e riportare la facciata alla sua integrità.

La stazione di Canelli ripulita dalle scritte

Anarchico “grossolano”

E sono stati due gli elementi sui quali hanno lavorato i carabinieri della Compagnia di Canelli, guidata dal capitano Alessandro Caprio per risalire all’autore delle scritte. Da una parte la scarsa conoscenza dell’ideologia e della simbologia che gravita intorno all’area dell’antagonismo di casa nostra: le scritte grossolane hanno indirizzato le indagini verso qualcuno che non è militante. E poi le immagini del sistema di videosorveglianza comunale che ha restituito l’identità di B. C., 19 anni, nato ad Alessandria ma residente a Canelli, disoccupato e con precedenti di polizia e penali proprio per danneggiamento, incendio e deturpamento di cosa pubblica.

Vandalizzati chiosco e panchine

Una volta identificato, i carabinieri gli hanno addebitato anche un altro gesto di vandalismo, quello compiuto a Cassinasco qualche giorno fa nei confronti del chiosco e delle panchine della centrale piazza al Castello.

Il ragazzo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Asti e dovrà rispondere non solo delle accuse di vandalismo, ma, in caso di condanna, dovrà anche risarcire il danno causato.

Articolo precedente
Articolo precedente