La Nuova Provincia > Cronaca > E’ di Mombaruzzo il pilota che si è schiantato con l’ultraleggero sull’autostrada
CronacaNizza Monferrato -

E’ di Mombaruzzo il pilota che si è schiantato con l’ultraleggero sull’autostrada

Precipitato stamattina fra gli svincoli di Alessandria Sud e della Torino-Piacenza. Un malore o un guasto le ipotesi più probabili

Paese in lutto

E’ Carlo Satragni, 82 anni, di Mombaruzzo il pilota rimasto vittima del gravissimo incidente avvenuto questa mattina sull’autostrada Genova-Gravellona Toce all’altezza degli svincoli di Alessandria Sud e della Torino-Piacenza.

L’uomo, da solo, stava pilotando il suo aereo ultraleggero quando, per cause non ancora chiare, ne ha perso il controllo e il velivolo si è schiantato a terra. Non sono rimaste coinvolte nell’incidente vetture che stavano transitando in quel momento in autostrada, ma per l’uomo non c’è stato più nulla da fare.

Carlo Satragni, la vittima dello schianto

Le ipotesi sullo schianto

Le ipotesi sulle cause che hanno portato allo schianto sono diverse: da un malore dell’uomo ad un guasto meccanico; esclusi il maltempo e l’inesperienza, visto che stamattina la visibilità era buonissima e Satragni aveva dalla sua numerose ore di volo tanto da essere soprannominato “Il comandante”. Nonostante l’età l’uomo aveva un’ottima forma fisica e, oltre al volo, era un appassionato di maratone.

Carlo Satragni era originario di Mombaruzzo, così come la moglie Carla Romano, anche se hanno vissuto a lungo a Novara dove lui, prima della pensione, lavorava alla Banca Popolare della città. Ma il comune natio era sempre rimasto nel cuore, lì avevano mantenuto una seconda casa dove si recavano appena gli impegni lavorativi e familiari lo consentivano. Da diversi giorni, infatti, erano nella seconda casa.

Il teatro dell’incidente

L’amore per il volo

Tesserato all’aeroclub di Novi Ligure, spesso Satragni si recava a Mombaruzzo, strategicamente più comodo per recarsi all’aviosuperficie dove era ricoverato il suo ultraleggero. Spesso i suoi concittadini lo vedevano sorvolare il paese e le colline.

«Sono costernato, con Carlo non abbiamo perso solo un concittadino, ma anche un amico e a nome di tutto il paese voglio esprimere la  vicinanza alla moglie e ai figli in questo terribile momento di sofferenza» è il commento del sindaco Giovanni Spandonaro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente