Cinghiali-vicino-alla-citta-campi-devastati-57bc2364e04dc1
Cronaca
Bando aperto

Emergenza cinghiali: dal ministero il bando per sperimentare la sterilizzazione

Aperte le domande per progetti che prevedano l’utilizzo del farmaco GonaCon somministrato per via orale agli ungulati

Ci voleva l’emergenza della peste suina africana per sbloccare una richiesta ferma da tempo al Ministero della Salute per sperimentare l’uso per via orale del farmaco “GonaCon” per la sterilizzazione dei cinghiali.

E’ uscito il bando per la selezione di un progetto di sperimentazione a fronte di uno stanziamento di 500 mila euro e la possibilità di finanziarne per un massimo di 250 mila euro a destinatario.

Le regioni che sono attualmente alle prese con l’emergenza della PSA trasmessa dai cinghiali sono Piemonte, Liguria e Lazio e sarà probabilmente da una di questi territori che arriveranno le richieste di accedere alla sperimentazione.

Il GonaCon attualmente è un prodotto registrato negli Stati Uniti dove è stato studiato per il contenimento del cervo dalla coda bianca, ma non è autorizzato come medicinale veterinario in Europa. La sperimentazione statunitense è avvenuta sotto forma di trattamento iniettabile ma, su larga scala, è difficilmente praticabile nei confronti dei cinghiali. Di qui la sperimentazione per via orale, con l’installazione di apposite mangiatoie lungo le piste e vicino alle tane alimentate da mangime trattato con il contraccettivo che porta alla sterilizzazione degli ungulati che tanti danni stanno facendo ai raccolti. Mangiatoie cui possono accedere solo ed esclusivamente i cinghiali e non altri tipi di animali.

I progetti dovranno essere inoltrati entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando.

Quella della sterilizzazione è una pratica e medio e lungo termine per il contenimento della proliferazione dei cinghiali della quale aveva parlato, per primo in provincia di Asti, il presidente dell’ATC (Ambito Territoriale Caccia) Antonello Murgia, alla luce dell’aumento delle richieste di indennizzi da danni della fauna selvatica e, al contempo, della riduzione del numero di cacciatori iscritti incaricati di provvedere al controllo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Edizione digitale
Precedente
Successivo