furto-gioielelria
Cronaca
Tribunale

Gruppo di sinti assolti per furti di gioielli e di bici

Risaliti a loro attraverso le telecamere di sorveglianza private di alcune abitazioni ma le difese hanno insistito sui dubbi di riconoscimento

Neive, Castiglione Falletto, Brescia: sono questi i luoghi in cui sono avvenuti i furti addebitati ad un gruppo di sinti finiti sotto processo nei giorni scorsi per furto e ricettazione.
Gli imputati, residenti fra Alba e San Damiano, sono Giorgia Camia, Gian Marco Adriano, Rino Caldaras, Guido Rafael e Richard Lamberti e Diego Lebbiati.
Nel furto di Neive i ladri si erano impossessati di gioielli e di computer, tablet, cellulari; in quello di Castiglione Falletto oltre agli oggetti in oro si erano portati via una bicicletta da corsa che valeva almeno 3 mila euro mentre a Brescia avevano letteralmente ripulito la cassaforte di una coppia che vi custodiva tutti gli ori di famiglia.
Il processo si è incardinato al tribunale di Asti per via del primo furto di Neive e il sostituto procuratore Laura Deodato che ha coordinato le indagini è risalita all’identificazione della “rosa” di imputati sulla base di una serie di riconoscimenti fatti anche attraverso le immagini di videosorveglianza interna privata.
Conclusioni di indagine fortemente contestate dagli avvocati difensori Gatti, Voarino, Merlino, Montanara e Ponchione che hanno insistito sul fatto che non ci fossero prove certe che collegassero i loro clienti agli episodi denunciati.
Al termine del rito abbreviato il pm ha chiesto la condanna di tutti con pene fra i 3 e i 4 anni ma il giudice Beconi li ha mandati tutti assolti.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail