Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/tabaccaia-accoltellata-e-gravebrtorna-il-far-west-in-corso-volta-56e6a2753ff2d1-nkiev35u95vfmupncfbaz7nfecm23ak4mx8fdk1y14.jpg" title="Tabaccaia accoltellata: è grave
Torna il far west in corso Volta" alt="Tabaccaia accoltellata: è graveTorna il far west in corso Volta" loading="lazy" />
Cronaca

Tabaccaia accoltellata: è grave
Torna il far west in corso Volta

Questa mattina, vicino alla Casa di Riposo, una o più persone hanno assalito una commerciante che ha l'attività nei pressi del distributore di benzina. E' stato un cliente ad averla trovarla a terra, in una pozza di sangue, e ad aver dato l'allarme al 112. Le indagini non escludono nessuna pista. Il portavoce dei tabaccai di Asti torna a chiedere sicurezza per la categoria

E' ricoverata all'ospedale di Asti in gravi condizioni la tabaccaia 54enne che questa mattina, poco prima delle 8, è stata brutalmente accoltellata nel negozio che gestisce insieme al marito, in corso Volta, nei pressi della Casa di Riposo "Città di Asti". E' stato un cliente a scoprire la donna, in una pozza di sangue, accasciata a terra dietro al bancone dopo essere entrato per acquistare il giornale. Un fatto inquietante e gravissimo che, ancora una volta, mette in allarme una categoria, quella dei tabaccai di Asti, già duramente colpita nel recente passato da altri episodi criminali.

Subito è stato dato l'allarme al 112 e, mentre i carabinieri delimitavano l'area davanti alla tabaccheria, la vittima è stata ricoverata al pronto soccorso dove si trova in questo momento affidata alle cure dei medici. Nessuna traccia, almeno per ora, del responsabile di questo nuovo folle gesto dettato, forse, dalla volontà di impossessarsi dei contanti tenuti in cassa (sebbene l'attività fosse aperta da meno di un'ora). La donna potrebbe infatti aver reagito scatenando la furia del suo assalitore.

Non si sa neanche se ad averla ridotta in quelle condizioni sia stato un solo uomo o più persone, ma testimoni del fatto sembra non ce ne siano. I carabinieri stanno ora cercando di mettere insieme tutti gli indizi disponibili, anche cercando tra le telecamere di sicurezza dislocate in zona.

«Siamo nell'occhio del ciclone – commenta Claudio Valpreda, portavoce dell'associazione dei tabaccai di Asti non appena venuto a conoscenza della notizia – Così non si può più andare avanti. Noi stiamo ancora aspettando che qualcuno ci dica chi ha ucciso Manuel Bacco (il tabaccaio di corso Alba ammazzato a colpi di pistola a fine 2014) senza dimenticare che, qualche giorno fa, hanno ammazzato quell'uomo in piazza del Palio. Siamo più che preoccupati per questa situazione. Crediamo che manchi soprattutto la volontà politica di fare determinate cose per rendere inoffensive queste persone che agiscono facendosi forza di una sempre più evidente impunità».

Riccardo Santagati

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale