La Nuova Provincia > Cronaca > Vigili del fuoco di Asti in aiuto a Quargnento, dove hanno perso la vita tre colleghi
CronacaAsti -

Vigili del fuoco di Asti in aiuto a Quargnento, dove hanno perso la vita tre colleghi

La tragedia nell'Alessandrino è avvenuta questa notte, a causa di un'esplosione in una cascina. Due dei feriti sono stati trasportati al pronto soccorso del Cardinal Massaia di Asti

Tragedia nella notte

Sono arrivate anche squadre dei vigili del fuoco del comando di Asti sul teatro della tragedia a Quargnento, nell’Alessandrino, dove nella notte un’esplosione in una cascina disabitata ha causato la morte di tre loro colleghi. Sono sette i vigili astigiani subito partiti in ausilio ai colleghi. Si lavora in questo momento alla rimozione dei detriti. Una giornata di lutto per i vigili del fuoco: «Erano colleghi che conoscevamo bene, è un giorno per noi molto triste», dicono alcuni vigili astigiani.

La tragedia è avvenuta questa notte: intorno alla mezzanotte una prima esplosione in una cascina della zona di Quargnento, nei pressi del bivio per Fubine. Sul posto l’arrivo delle squadre di soccorritori: è stata una seconda esplosione, avvenuta intorno alle 2, mentre erano in corso le operazioni di spegnimento di un incendio, secondo quanto è stato finora ricostruito, a provocare il crollo di uno degli edifici dell’area che ha travolto tra vigili del fuoco, causandone la morte. Il corpo di uno dei vigili deceduti è stato ritrovato questa mattina intorno alle 8 sotto le macerie.  I feriti sono stati trasportati negli ospedali di Alessandria e Asti in gravi condizioni: al pronto soccorso astigiano si trovano uno dei vigili feriti e il carabiniere. Entrambi sono in condizioni stabilizzate e non sarebbero in pericolo di vita. In Pronto soccorso questa mattina la visita dei vertici piemontesi dell’Arma.

Si sospetta il dolo

Sono intanto in corso le indagini dei carabinieri sul terribile episodio avvenuto, che sarebbero rivolte anche alla pista dolosa. Si parla in queste ore, infatti, del ritrovamento di un timer sul luogo della tragedia, che avrebbe provocato l’esplosione di una bombola di gas e creato un effetto a catena, con l’innesco della successiva esplosione.

Messaggi di cordoglio

Cordoglio giunge dal Conapo, il Sindacato Autonomo dei Vigili del Fuoco: «Siamo addolorati e vicini alle famiglie dei colleghi che hanno perso la vita nell’adempimento del dovere. Onore a voi, Antonio, Marco e Matteo». Messaggio di partecipazione anche dall’Arma dei Carabinieri: «L’Arma dei Carabinieri è accanto ai colleghi e amici dei Vigili del Fuoco in questo grande momento di dolore. Il nostro più caloroso abbraccio a loro e alle famiglie dei tre vigili che hanno perso la vita nell’esplosione di Quargnento (AL)».

«Non ci sono parole per esprimere il nostro dolore e rabbia, siamo sconvolti e increduli, perché questa notte abbiamo perso tre amici e colleghi, tutti giovani». Sono le parole di Gian Pietro Ferasin, vigile del fuoco e Segretario generale FNS Cisl Alessandria-Asti. «Nell’attesa di conoscere l’esatta dinamica dell’accaduto, visto che non è esclusa l’origine dolosa dell’esplosione, stiamo aspettando l’arrivo del Comandante nazionale del Corpo Vigili del Fuoco. In questo momento non possiamo fare altro che restare vicini ai familiari delle vittime ed ai colleghi». «Tutta la Cisl di Alessandria-Asti si unisce al dolore dei colleghi della FNS Cisl Alessandria-Asti e ai familiari di queste persone, tre uomini che hanno perso la vita mentre svolgevano il proprio lavoro, un lavoro che ogni giorno permette di mettere in sicurezza la vita di tante persone. Esprimiamo inoltre vicinanza all’Arma dei Carabinieri e ai feriti ricoverati all’ospedale», aggiunge Marco Ciani, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti.

Cordoglio anche dalla Regione: «Esprimiamo il più sincero cordoglio per i tre vigili del fuoco morti questa notte nello svolgimento del proprio servizio a seguito dell’esplosione di un edificio a Quargnento. Ci stringiamo al dolore dei familiari delle vittime e dei feriti – dicono a nome della Regione Piemonte i presidenti della Giunta Alberto Cirio e del Consiglio Stefano Allasia, stringendosi al dolore delle famiglie dei tre vigili del fuoco morti in servizio nelle scorse ore ad Alessandria – Oggi è il 5 novembre, una data che ci ricorda la tragica alluvione di 25 anni fa. Giorni in cui l’impegno instancabile dei Vigili del Fuoco, dell’Arma dei Carabinieri e di tutte le Forze dell’Ordine e del sistema della Protezione civile fu determinante per aiutare il Piemonte a rialzarsi. Il nostro grazie di cuore va a tutte le donne e agli uomini che ogni giorno mettono la propria vita a servizio della sicurezza di ognuno di noi».

Un Commento

  • rosanna ha detto:

    mi rammarico che difronte alla morte di chi cerca di tutelare e difendere la popolazione, poi non si senta il dovere di ossequiarli in tutti gli ambiti lavorativi. non ho necessità di essere vigile, carabiniere, polizia o qualunque corpo a tutela del territorio e persone per sentire profonda solidarietà verso coloro che mettono a repentaglio la loro preziosa vita per noi. Stato, Istituzioni … DICO BASTA, difendete loro non i delinquenti, INVESTITE SOLDI PER TUTELARE E DIFENDERE LORO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente