La Nuova Provincia > Tempo libero > Villa San Secondo serve i suoi agnolotti d’oca
Tempo libero Asti -

Villa San Secondo serve i suoi agnolotti d’oca

Oggi e domani allo stand gastronomico allestito per la sagra che abbina anche i pluripremiati "friceu". Raduno d'auto d'epoca, cani addestrati, mercato

Specialità del posto

Una specialità tutta sua che ogni metà ottobre contraddistingue la sua Sagra da tutte le altre. Parliamo di Villa San Secondo che  fino a domani darà vita alla sua doppia sagra dell’agnolotto d’oca e del friceu.
Un piatto originale, l’agnolotto d’oca, che abbina alla classica sfoglia all’uovo un ripieno delicato e prezioso, per un gusto del tutto originale da provare andando ad acquistarli in paese.

Si apre la festa

Questa sera l’attesa apertura dello stand gastronomico alle 19,30 con la distribuzione del menù che vede, fra gli altri piatti, salame crudo d’oca, tagliata d’oca con cavolo crudo, crostino di pane con patè di fegato d’oca, agnolotti d’oca al sugo di carne d’oca, coscetta d’oca in padella con polentina.
E per dolce, un’ora dopo, arriva la sagra del friceu, le celebri frittelle di mele di Villa San Secondo. Dopo cena spettacolo degli sbandieratori del Comitato Palio di Castell’Alfero e degli Amis d’la Pera di Asti con bandiere fluorescenti.

Mercatino e auto d’epoca

Domenica la festa si apre al mattino, intorno alle 9 con il mercatino che si terrà fino a sera per le vie del paese. In mostra e in vendita prodotti agricoli, artigianali, antiquariato e prodotti di eccellenza della Val Rilate. Musica itinerante con i Mcountryma. Alle 10 merenda di metà mattina con i friceu e, alle 10,30 dimostrazione di ricerca ed obbedienza con l’unità cinofila Sirio di Asti. Seguirà il raduno di auto storiche per un salto nel passato delle signore a quattro ruote e a mezzogiorno si torna a mangiare il menù a base di carne di oca. Senza temere la pioggia, visto che il servizio gastronomico sarà effettuato in un locale coperto e riscaldato.
Nel pomeriggio spettacolo di magia e illusioni “Il baule dei sogni perduti” di Marco Sereno.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente