Crisi/ Spagna: Il 2013 sarà duro, ma non chiediamo aiuto a Bce
Altro

Crisi/ Spagna: Il 2013 sarà duro, ma non chiediamo aiuto a Bce

Crisi/ Spagna: Il 2013 sarà duro, ma non chiediamo aiuto a Bce
“Non escludiamo che potremo farlo in futuro”


Madrid, 28 dic. (TMNews)
– Il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy ha avvertito oggi che il prossimo sarà ancora un anno “molto duro” per l’economia spagnola, ma spera tuttavia in un miglioramento per la seconda parte del 2013.

“Abbiamo ancora un anno molto duro, davanti, soprattutto nella prima metà, e dobbiamo perseverare nelle riforme che abbiamo avviato”, ha detto il premier spagnolo in conferenza stampa. “L’economia continuerà a essere in recessione per ancora un po’ di tempo, anche se speriamo possa migliorare nella seconda metà dell’anno prossimo”.

Parlando prima dell’ultimo vertice di governo del 2012, Rajoy ha aggiunto: “Oggi non pensiamo di non chiedere alla Banca centrale europea di intervenire per comprare bond sul mercato secondario, ma si tratta di uno strumento molto utile se disponibile per tutti i paesi dell’Unione”. “Se la Spagna e il suo governo riterranno che sarà necessario utilizzarlo – ha affermato ancora Rajoy – non c’è dubbio che lo faremo. Non pensiamo di farlo oggi, ma non lo escludiamo in futuro”.

(fonte Afp)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo