Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/barchitetture-sottili-presentazione-gruppi-di-lavoro-ed-analisi-casi-studio-2bbrgruppo-2-area-studio-corso-casale-ingresso-citta-56e68d1ba5d0a1-nkijpj1klao49nbrqbts7oy05mtbl42tmbren7epag.jpg" title="ARCHITETTURE SOTTILI – Presentazione gruppi di lavoro ed analisi casi-studio #2
Gruppo 2 – Area studio: Corso Casale, ingresso città" alt="ARCHITETTURE SOTTILI - Presentazione gruppi di lavoro ed analisi casi-studio #2Gruppo 2 - Area studio: Corso Casale, ingresso città" loading="lazy" />
Altro

ARCHITETTURE SOTTILI – Presentazione gruppi di lavoro ed analisi casi-studio #2
Gruppo 2 – Area studio: Corso Casale, ingresso città

Gruppo 2 – Area studio: Corso Casale, ingresso città

L'area oggetto di studio è sita nella periferia nord-est di Asti, lungo alcune delle principali direttrici di attraversamento urbano. La sua posizione è strategica, alle porte della città, così da essere scorta non soltanto da chi si dirige in direzione Casale, ma anche da coloro che, provenienti dalla zona nord-ovest di Asti, si vogliono avviare in direzione Alessandria, sottraendosi al traffico del centro.

L'accesso all'area è attualmente duplice: da Corso Casale, lungo entrambi i sensi di marcia, e da Via Spandre, attraverso il breve tratto a senso unico oramai percorso solamente dai residenti che vivono in prossimità dello spiazzo. Da rilevare, infatti, che le recenti urbanizzazioni effettuate al di là dell'autostrada, e culminate con la realizzazione del Centro Commerciale Borgo, hanno modificato la viabilità precedente e stabilito una nuova gerarchia dei flussi lasciando inutilizzato il passaggio all'interno dell'area.

Sostanzialmente un'area priva delle funzioni che l'hanno contraddistinta in passato, rotonda e parcheggio, e mancante di identità; vero e proprio luogo "di periferia" dimenticato e isolato dal resto della città.
Da un lato, a nord, l'autostrada nasconde alle sue spalle un gran numero di aree commerciali all'ingrosso, dall'altro, a sud, la carenza di aree per servizi causa l'intensificazione dei flussi verso il centro città o al di là del viadotto, delineando un'area a basso contenuto di relazioni sociali e ad elevato traffico di spostamento veicolare e pedonale, con conseguente calo della sicurezza urbana.

Non sono presenti aree verdi riconoscibili in prossimità dell'area; il parco del Fontanino, all'estremità nord, è decisamente poco conosciuto; il giardino della Pace, in corso Volta, dista quasi 1 km; le aree verdi del "quartiere Praia" rimangono isolate fra gli alti edifici a stecca di carattere popolare. Non sono presenti, inoltre, particolari luoghi di raccolta per giovani o adulti; la parrocchia più vicina si trova anch'essa a circa 1 km di distanza e le persone di qualsiasi età preferiscono incontrarsi e svagarsi altrove o al Borgo.
Per contro, sono presenti vicini spazi verdi con potenzialità inespresse ed aree decisamente ben più estese per cui il PRG stesso prevede la destinazione a sport e tempo libero. Da rilevare la presenza di due piste ciclabili, una a nord e una a sud dell'area; la maggior concentrazione di biciclette, tuttavia, si registra nel tratto in cui queste si interrompono.

Il gruppo
Federico Degioanni
Nasce nel 1986 a Torino. Diplomatosi Geometra nel 2006, si è laureato in Architettura nel 2013 con la tesi di progettazione su edifici modulari in legno in Finlandia. Dal 2012 collabora con alcuni studi di architettura frequentando, nello stesso periodo, i corsi CasaClima Base e Avanzato. Dal 2014 è iscritto all'Ordine degli Architetti di Asti. Attualmente collabora con due studi di Architettura in Alessandria e Torino su progetti di tipo commerciale e residenziale, sulla bioedilizia e la prefabbricazione in legno.

Nicolò Pivato
Nasce 1987 ad Asti. Si diploma come Geometra nel 2006 e nel 2012 si laurea in Architettura a Torino, discutendo la tesi "Ricettività low-cost nei paesaggi d'eccellenza". L'anno seguente consegue l'abilitazione all'esercizio professionale e frequenta i corsi CasaClima Base ed Avanzato. Dopo alcune esperienze in Studi di Architettura, dal 2013 collabora con uno Studio Professionale di Architetti ad Asti, con il quale partecipa, nel 2014, al "Concorso per la realizzazione della nuova Biblioteca Comunale di Briosco".

Pagina Facebook "Progetto Architetture Sottili": https://www.facebook.com/pages/ASTI-Fest-Festival-dellArchitettura-Astigiano/481304001946720?ref=aymt_homepage_panel

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale