La Nuova Provincia > Attualità > La Moncalvo turistica conquista la Bandiera Arancione del Touring
AttualitàMoncalvo e Nord -

La Moncalvo turistica conquista la Bandiera Arancione del Touring

E' il secondo Comune astigiano dopo Cocconato a vedersi riconosciute le bellezze naturali e l'accoglienza turistica

La notizia il giorno della Fiera del Bue Grasso

Una bella notizia ha rallegrato una già felice giornata per Moncalvo in festa per la Fiera del Bue Grasso. Il sindaco, Christian Orecchia, è stato informato che Moncalvo potrà ufficialmente fregiarsi del titolo di “Bandiera Arancione” proprio mentre stava consegnando i premi.

A comunicare la lieta notizia è stata per telefono l’assessore Barbara Marzano che ha ritirato il riconoscimento.

Ad assegnare il premio è il Touring Club Italiano che conferisce la “Bandiera Arancione” a quelle località dell’entroterra che si distinguono per le bellezze naturali e l’accoglienza turistica. Moncalvo viene definita dalla guida come “paese vivace, tipico e accogliente”.

«Siamo orgogliosi e onorati di questo riconoscimento: è uno dei punti del nostro programma elettorale su cui, come amministrazione neoeletta, abbiamo creduto fortemente», ha detto Barbara Marzano, assessore all’Agricoltura e all’Ambiente di Moncalvo accompagnata a ritirare il riconoscimento dal presidente della Pro loco Mirko Ippolito.

Moncalvo è il secondo paese dell’astigiano a ricevere la “Bandiera Arancione” dopo Cocconato. In Piemonte sono in tutto 34 i comuni che hanno ottenuto il riconoscimento.

Un Commento

  • monferrock ha detto:

    Complimenti alla bella Moncalvo. Tuttavia suggerisco al sindaco di ammodernare il belvedere. Perchè infatti non mettere qualche led in più sulla scala a chiocciola (buia e imbrattata), qualche telecamera, e lasciare aperto specialmente la domenica il piazzale che si affaccia sul castello? quest’ultimo sovente lo trovo lucchettato, è il caso di tenerlo aperto, altrimenti i turisti che fanno? per coprire il gap con le langhe bisogna fare tuttavia ancora molta strada in termini di promozione turistica. Insomma, spendendo pochi soldi, si può ottenere molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente