La Nuova Provincia > Attualità > Nell’Astigiano si lavora per “riavere” la Monarchia
AttualitàAsti -

Nell’Astigiano si lavora per “riavere” la Monarchia

E' di Calosso il commissario astigiano del partito che vuole riportare la monarchia in Italia: ecco come

Anche ad Asti il Partito Real Democratico

Enrico Mario Cartosio, 48 anni, di Calosso, ma che lavora in un’azienda agricola di Nizza, è il nuovo commissario federale astigiano del Partito Real Democratico. Il partito discende dal Movimento Nazionale Monarchico «con l’obiettivo – spiega – di ridare forza politica ai monarchici».

«Non siamo un gruppo di nostalgici – racconta Cartosio che ha ottenuto il ruolo federale solo da qualche giorno – né vogliamo celebrare un tipo di monarchia o un re che non ci sono più. La nostra missione è quella di riportare la monarchia in Italia dandole una forma moderna e costituzionale».

Il Partito Real Democratico è convinto, come indicato sul proprio sito, “che un Sovrano costituzionale sia per i cittadini una garanzia “super partes” migliore, come Capo di Stato, rispetto ad un Presidente della Repubblica politico “di parte”».

Occhi puntati sui Savoia

Il sodalizio monarchico guarda alla Famiglia Reale dei Savoia come «eredi di Umberto II – spiega Cartosio – e quindi a Vittorio Emanuele o, in seconda battuta, a Emanuele Filiberto come re legittimi».

«Purtroppo in Italia c’è ancora l’abitudine ad additare i monarchici come fascisti, ma si tratta di un errore» sottolinea Cartosio quando gli si fa presente il ruolo dei Savoia durante la seconda guerra mondiale.

Stando a quanto ci racconta Cartosio, anche nell’Astigiano il cuore monarchico batterebbe ancora, sebbene gli affezionati di Casa Savoia si sarebbero rivolti ad altri partiti, storicamente di centrodestra, ma senza aver rinnegato la propria tradizione sabauda.

I limiti dell’articolo 139 della Costituzione

Al di là delle passioni politiche di ognuno, sulla missione del Partito Real Democratico pende l’articolo 139 della Costituzione dove si indica senza ombra alcuna che la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.

«Infatti l’obiettivo primario del nostro partito – spiega il commissario – è cancellare questo articolo e per farlo occorre la sensibilità delle forze politiche in Parlamento».

La strada per il Parlamento sarà lunga e Cartosio sa bene che i primi passi dovranno essere più a portata di mano: «Guardiamo con interesse alle elezioni amministrative dei comuni e alle elezioni regionali – precisa annunciando l’intenzione di lavorare sul territorio per ampliare il numero degli iscritti locali – Non è un obiettivo semplice, ma mi sono già messo all’opera». Per contatti è possibile chiamare il numero 3921525987.

Riccardo Santagati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente