Se Giampà e Colombo rileggono John Fante
Cultura e Spettacoli

Se Giampà e Colombo rileggono John Fante

Sembrano davvero inesauribili le energie di Beppe Giampà. Dopo un tour italiano ed europeo per la presentazione dell'album "I Mattini Passani Chiari" dedicato alla poesia di Cesare

Sembrano davvero inesauribili le energie di Beppe Giampà. Dopo un tour italiano ed europeo per la presentazione dell'album "I Mattini Passani Chiari" dedicato alla poesia di Cesare Pavese, il cantautore astigiano torna ad esibirsi dal vivo con un nuovo spettacolo incentrato sul romanzo "Chiedi alla polvere", scritto ed edito nel 1939 dall'italo americano John Fante. Il testo, dal quale è stato tratto anche un film diretto da Robert Towne nel 2006, è ambientato in California durante il periodo della Grande depressione, è uno dei più famosi di Fante e fa parte del ciclo autobiografico incentrato sul personaggio di Arturo Bandini.

Lo spettacolo pensato da Giampà insieme al musicista Italo Colombo è una sorta di "reading blues" con musica dal vivo a cura della Locomotion Band, della quale Colombo è armonicista e leader. Lo stesso Colombo torna così a collaborare con Giampà, al cui fianco aveva già preso parte al tour promozionale tra Italia, Austria e Germania per "I Mattini Passano Chiari". Il valore aggiunto di questa nuova esperienza è invece la Locomotion Band, gruppo emergente nel panorama blues nazionale che vanta al proprio interno musicisti in attività da anni con alle spalle diverse esperienze professionali come il tour di supporto al bluesman americano Jake Walker.

Il progetto "Chiedi alla polvere" intanto ha già preso vita anche su sul social network Twitter alla pagina @Bandini_Art curata da Edoardo Montenegro (esperto di comunicazione web) dove gli utenti , inserendo l'hashtag #ArtBandini, possono scrivere con un massimo di 140 caratteri il loro tweet dedicato al romanzo. I tweet scelti saranno letti durante gli spettacoli, attualmente in fase di definizione con una, molto probabile, tappa astigiana in un futuro non troppo lontano.

l.g.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale