Filarmonica villanovese
Cultura e Spettacoli
Filarmonica

Villanova d’Asti, nuove collaborazioni e nuovi allievi per la Filarmonica comunale

L’organico generale è costituito da musicisti appartenenti alla fascia d’età tra i 50 e i 60 anni per cui il ricambio generazionale viene accolto favorevolmente dal direttore Giovanni Gamba

E’ ripresa l’attività della Filarmonica villanovese, dopo la sospensione del periodo pandemico, trasformata in associazione di promozione sociale a seguito della riforma del terzo settore. L’apertura dell’anno accademico 2021/2022, salutata dal sindaco Giordano e dal parroco Don Carlo Rampone, ha visto la partecipazione di venti nuovi allievi a partire dagli 8 anni in su.

L’organico generale è costituito da musicisti appartenenti alla fascia d’età tra i 50 e i 60 anni per cui il ricambio generazionale viene accolto favorevolmente dal direttore Giovanni Gamba e dai giovani insegnanti che collaborano ai progetti dell’Istituto Comprensivo di Villanova e della parrocchia.

La “SFC Music Academy” è ripartita solo con il ritorno del Piemonte in zona bianca: il corso di educazione musicale con orientamento bandistico continua ad essere gratuito grazie all’amministrazione comunale che vuole fornire ai giovani villanovesi la possibilità di avvicinarsi al linguaggio universale della musica e contemporaneamente di garantire il ricambio dei musici necessario al complesso bandistico per guardare al futuro con ottimismo.

Le prove generali del lunedì sera sono ripartite il 14 marzo con il brano “Concerto d’amore” di Jacob de Haan perché il 2022 sarà per la SFC l’anno dell’amore per contrastare tutte le forme di egoismo e di violenza dell’uomo. Oltre a ripartire con le uscite già programmate in paese insieme al gruppo majorettes comunale “Silver girls”, si sta anche pensando ad un nuovo gemellaggio bandistico a fine giugno con un gruppo della provincia del VCO, oltre a quello già in essere con la Banda città di Aosta.

Quest’anno la SFC ha rinnovato anche la divisa ufficiale con l’inserimento di una nuova camicia bianca e, per avere un ulteriore riferimento culturale sul territorio, si è allestita nella sede una piccola biblioteca “condivisa e diffusa” dove scambiare libri gratuitamente tra tutti i soci.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo