400 bambini hanno giocato con Panatta e Lucchetta
Sport

400 bambini hanno giocato con Panatta e Lucchetta

Una lezione di educazione fisica in compagnia di campioni sportivi, tra musica e animazione. A seguirla ieri, in piazza San Secondo, 400 bambini delle scuole elementari e medie, che hanno partecipato

Una lezione di educazione fisica in compagnia di campioni sportivi, tra musica e animazione. A seguirla ieri, in piazza San Secondo, 400 bambini delle scuole elementari e medie, che hanno partecipato a "Banca Generali – Un campione per amico", manifestazione itinerante promossa da quattro miti dello sport italiano in collaborazione con Banca Generali, di cui Asti ha ospitato la tappa conclusiva grazie all'impegno del Comune e delle Federazioni sportive del Coni provinciale.

Su quattro campetti i ragazzi hanno giocato con Andrea Lucchetta, pallavolista premiato nel campionato del mondo 1990; Francesco Graziani, giocatore del Torino per 8 stagioni e campione del mondo nel 1982; Adriano Panatta, tennista vincitore della coppa Davis nel 1976 (l'unica vinta dall'Italia) e Jury Chechi, ginnasta medaglia d'oro olimpica. L'obiettivo era avvicinare i ragazzi ad un'attività fisica regolare, indispensabile, insieme ad una corretta alimentazione, per una crescita sana. «Lo sport – ha commentato Panatta – è il giusto traino per condividere insieme ai ragazzi i valori essenziali che coniugano la competizione sportiva a quella della vita, dove i risultati arrivano sempre per chi sa aspettare, ha tenacia, rispetta il lavoro proprio e degli altri».

«Credo che l'attività motoria – ha affermato Chechi – rappresenti una grande opportunità per crescere meglio. Purtroppo in Italia se ne fa poca e male. Da questa punto di vista Asti è un'isola felice, ma in altre realtà ho incontrato, ad esempio, bambini delle elementari che non avevano la percezione del rotolamento in avanti». Soddisfatti Lucchetta e Graziani, che hanno sottolineato di aver «trovato ragazzi ben preparati».

e.f., p.c.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo