La Nuova Provincia > Attualità > Da giovedì il “codice argento” in Pronto Soccorso per chi ha più di 75 anni
Attualità -

Da giovedì il “codice argento” in Pronto Soccorso per chi ha più di 75 anni

Gli anziani che saranno registrati con urgenze lievi (codice bianco e verde) saranno avviati in un percorso preferenziale con riduzione dei tempi di attesa per la visita e di dimissione

Periodo sperimentale

Era stato annunciato ad inizio luglio dal direttore dell’Asl e giovedì ci sarà la sua inaugurazione. Parliamo del “Codice argento” per tutte le persone over 75 che si presenteranno al Pronto Soccorso del Cardinal Massaia e avranno bisogno di cure.
Riguarderà tutti coloro che hanno compiuto 75 anni e ai quali viene attribuito un codice di triage bianco o verde, quindi non gravi.
Ma proprio la lieve entità delle patologie spesso è preludio a lunghe ore di attesa per dare precedenza ai casi più gravi e per una persona anziana questo potrebbe tramutarsi in un peggioramento delle sue condizioni o comunque in una situazione di forte stress.
Per i “codici argento”, invece, è prevista la precedenza di chiamata alla visita medica rispetto agli altri pazienti ai quali è stato assegnato lo stesso codice e lo stesso grado di gravità.

I vantaggi per gli anziani

Riduzione dei tempi di attesa per la visita medica, riduzione dei tempi di attesa dal triage alla dimissione, riduzione dei ricoveri per fragilità sociali e implementazione di ulteriori percorsi fra ospedale e territorio: questi gli obiettivi dichiarati dal direttore Mario Alparone all’annuncio dell’introduzione dello speciale codice per le persone più anziane.
Secondo i dati statistici in possesso dell’Asl di Asti, nei primi sei mesi del 2018 le persone anziane che hanno registrato un accesso al Pronto Soccorso sono state 1 su 5, circa il 20%. Questo spiega, dunque, la decisione di individuare dei percorsi di cura agevolati per gli over 75 anche in un servizio di urgenza come quello del Pronto Soccorso.
Un altro passo in avanti per dare attuazione ad una piena accessibilità dei servizi sociosanitari ai pazienti cronici e alle fasce di pazienti più deboli e fragili della popolazione.

d.peira@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente